Sagra dell’Uva di Marino, le celebrazioni religiose della domenica

0
2719
Sagra dell'Uva di Marino 2013
Sagra dell'Uva di Marino 2013 - un momento della processione
Sagra dell'Uva di Marino 2013
Sagra dell’Uva di Marino 2013 – un momento della processione

Sono stati i temi della «fede di qualità» vissuti in una comune prospettiva di crescita, maturazione e consapevolezza gli argomenti che monsignor Marcello Semeraro ha portato all’attenzione dei presenti nella celebrazione solenne di domenica 6 ottobre nella basilica collegiata di San Barnaba Apostolo. «Una fede che – ha detto l’alto prelato nella sua omelia ai tanti fedeli presenti in basilica nel giorno dedicato alla Madonna del SS Rosario – in onore dei suoi valori più profondi e del pensiero di Papa Francesco, va sentita e applicata con intenzione alla vita di tutti i giorni. Non una fede da pasticceria vissuta per abitudine e tradizione – ha detto Semeraro facendo riferimento ad una recente frase del Pontefice – ma un vero rapporto d’amore con Dio, nell’intimo dialogo con lui e nel rispetto dell’altro».

Alla cerimonia solenne, concelebrata con l’abate parroco monsignor Pietro Massari, altri parroci delle chiese di Marino e i diaconi, erano presenti gli assessori alla Cultura e alle Attività produttive Arianna Esposito e Giuseppe Bartolozzi. Tanti gli ospiti che, accogliendo l’invito del vice sindaco Fabrizio De Santis, come ogni anno sono arrivati a Marino per presenziare alla cerimonia religiosa e alla Processione Solenne in onore della Beata Vergine Maria, con la statua portata a spalla per le vie della città dai membri del Sodalizio della Madonna del SS. Rosario di Marino.

Tra loro il consigliere regionale Adriano Palozzi, il sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi, il vice sindaco di Albano Maurizio Sementilli, l’assessore Aleardo Semprucci di Lanuvio, il vice sindaco di Ciampino Carlo Verini con il comandante della Polizia Locale Roberto Antonelli, il consigliere Pamela Polito di Nettuno. Tra i rappresentanti di Palazzo Colonna l’assessore Marco Ottaviani con i consiglieri comunali Umberto Minotti, Simone Del Mastro, Emiliano Pagliarini, Stefano Pasqualini, Domenico Lamanna e, per la Provincia, Ugo Onorati.

Per le Forze dell’Ordine, tra gli altri, il ten.col. Luciano Magrini, comandante Gruppo Carabinieri Frascati con il maggiore Luigi Aureli alla guida della Compagnia di Castel Gandolfo. Con loro i marescialli Simmaco Vigilante e Marcello Michienzi, comandanti della stazioni di Marino e Santa Maria delle Mole.

Per la Guardia Finanza Gruppo Frascati il ten. Ambrogio Di Napoli, comandante Nucleo Operativo con altri due rappresentanti del presidio tuscolano.

Presente il commissariato di Marino con molti dei suoi uomini e il dirigente Walter Di Forti.

In totale schieramento l’organico della Polizia Locale di Marino con il comandante Alfredo Bertini, il capitano Franco De Santis e il ten. Monica Palladinelli. Presenti Protezione Civile e Croce Rossa comitato locale Marino.

«In un giorno così importante per la nostra città come quello della prima domenica di ottobre, nel quale tutta la comunità si raduna in nome del profondo spirito religioso che la anima e della devozione alla Vergine del SS. Rosario – ha detto il vice sindaco De Santis – siamo orgogliosi che, insieme a noi e vicino a noi, vivano questo momento tante personalità di rilievo istituzionale, che ringraziamo per l’affetto e l’attenzione riservata alla nostra Città. E’ un’occasione privilegiata che testimonia, una volta di più, come le tradizioni di un territorio ricco di storia e anima come quello dei Castelli Romani si intreccino, da sempre, benevolmente con la nostra Sagra dell’Uva, un evento di popolo entrato nel numero delle feste più significative celebrate in Italia che, mantenendo inalterato in sé lo spirito più profondo legato alla tradizione, è in grado di rappresentare il grande cuore della nostra terra. Con la passione della sua gente per le cose semplici e vere, per il lavoro, i sentimenti profondi e la famiglia».

«Siamo lieti che le istituzioni del territorio, dai colleghi sindaci, ai consiglieri provinciali e regionali – hanno affermato Esposito e Bartolozzi – partecipino in maniera tanto viva e sentita all’offerta dei prodotti della terra e del lavoro dell’uomo, dell’uva e del vino che la Città di Marino rende alla Vergine ricordando accadimenti storici di importanza assoluta, come la Battaglia di Lepanto. Un evento –  conclude il sindaco –  importante per tutto l’occidente che quattro secoli fa, ribadiva convintamene la sua natura e le sue radici profondamente cristiane».

Insieme alla Madonna del SS. Rosario, a sfilare per le vie della città anche i gonfaloni con le immagini dei Servi di Dio Zaccaria Negroni e monsignor Guglielmo Grassi ai quali l’«Associazione Pro Beatificazione Servi di Dio monsignor Guglielmo Grassi e Zaccaria Negroni» ha dedicato una mostra fotografica e documentaria all’interno di San Barnaba realizzata dal Centro Multimediale Comunicazione Sociale monsignor Guglielmo Grassi. L’evento, nel corso del quale sono state accese due «lampade perenni» a simboleggiare la luce che i due uomini rappresentano per Marino e per l’Italia, è stato inserito all’interno dei festeggiamenti per i dieci anni del Sodalizio della Madonna del SS. Rosario di Marino.

Print Friendly, PDF & Email