Scoperto deposito per riciclaggio di Mercedes rubate

0
346
mercedes
Deposito di Mercedes rubate a Monte Compatri

Nel corso di un’attività di controllo del territorio, i Carabinieri della Stazione di Monte Compatri  hanno arrestato 7 uomini, 3 romani e 4 stranieri, di età compresa tra i 29 e i 58 anni, tutti già noti alle forze dell’ordine, bloccati mentre stavano sezionando alcune macchine rubate.

I militari ieri mattina hanno notato un’autovettura, una Mercedes, seguita da due furgoni bianchi, di quelli a noleggio, entrare a velocità sostenuta, all’interno di una villa di via Frascati Colonna, risaputa essere abbandonata.

Insospettiti, i militari hanno predisposto un mirato servizio di osservazione, notando anche un discreto movimento di persone dirette all’interno dello stabile abbandonato. Successivamente, chiesti i rinforzi, i Carabinieri hanno effettuato un blitz bloccando gli arrestati mentre erano intenti a “tagliare” delle autovetture, risultate rubate di recente nella Capitale.

Nel corso della perquisizione della villa, i militari hanno rinvenuto un garage adibito ad officina meccanica, con all’interno l’auto che era stata vista entrare poco prima, risultata rubata la stessa notte, due disturbatori di frequenze cd-jammer, a 8 e 10 antenne, utilizzati per disturbare le frequenze radio degli antifurti, installati sulle autovetture, la scocca di un Suv Mercedes nonché, sette motori di grossa cilindrata e 5 cambi, tutti di autovetture Mercedes, frullini, saldatrici e centinaia di chiavi inglesi usate per “cannibalizzare” le auto rubate. Nel terreno antistante erano presenti i due furgoni a noleggio che con molta probabilità venivano usati per trasportare i pezzi delle auto rubate.

Nella disponibilità degli arrestati i militari hanno anche rinvenuto quasi 10 mila euro in contanti, ritenuti provento dell’illecita attività di riciclaggio, che sono stati sequestrati assieme alla mole di attrezzatura e di pezzi di auto rinvenuti nella villa.

Dopo l’arresto i 7 sono stati portati presso il carcere di Velletri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly