Segnali incoraggianti dal pre campionato del Colle di Fuori

0
693
dinnocenti
Daniele D'Innocenti Vice Presidente Colle di Fuori Calcio
dinnocenti
Daniele D’Innocenti Vice Presidente Colle di Fuori Calcio

Il Colle di Fuori prosegue la corsa verso il debutto in campionato che avverrà il prossimo 4 ottobre. Intanto la squadra di mister Domenico Tripodi ha giocato alcune amichevoli e le indicazioni sembrano essere incoraggianti. «Sono riuscito finora a seguire poco le partite – spiega il vice presidente Daniele D’Innocenti -, ma mio fratello Giampiero (direttore sportivo del club, ndr) mi tiene informato e penso che sia stata costruita una buona squadra». Daniele D’Innocenti l’anno scorso e per due anni è stato il massimo dirigente del Colle di Fuori e riconosce che l’ingresso in società del neo presidente Antonio Di Martino e del presidente onorario Roberto Di Stefano sia stato assolutamente decisivo per le sorti del club castellano. «Al primo anno di mia gestione abbiamo centrato il salto in Prima categoria e l’anno scorso con qualche difficoltà siamo riusciti a salvare la squadra, ma la gestione era diventata complicata ed eravamo rimasti un po’ da soli. Quando è nata l’opportunità del subentro in società da parte di Antonio e Roberto non ci abbiamo pensato un solo momento: sono imprenditori di primo piano che possono assicurare al Colle di Fuori una crescita notevole e che ci danno un grandissimo aiuto». Su come reagirà l’ambiente di Colle di Fuori a questo nuovo assetto societario, D’Innocenti (che è proprio della frazione di Rocca Priora) non ha dubbi. «Dipenderà tantissimo dai risultati: se la squadra riuscirà a fare bene, la gente verrà sicuramente a sostenerla al campo. Avverto tanta curiosità attorno al club e questo è sicuramente positivo». Curiosità che verrà aumentata dai tanti derby previsti dal raggruppamento in cui il Colle di Fuori è stato inserito. «C’è il Rocca Priora ed è una sfida che ci farà piacere disputare – dice D’Innocenti -, ma sono tante le squadre dei Castelli presenti nel gruppo. Per esempio c’è anche Monteporzio, una città a me cara perché è quella originaria di mio papà. Insomma ci sarà da divertirsi e speriamo che arrivino anche i risultati».

Print Friendly, PDF & Email