Spena (FI) chiede chiarezza al Governo su Unicoop Tirreno

L'On. Maria Spena di Forza Italia chiede chiarezza al Governo sul caso Unicoop Tirreno: "Dalle parole si passi ai fatti"

0
147
unicoop
Incontro vertenza Uni Coop Tirreno

“Il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon ha garantito che sulla vicenda delle lavoratrici e lavoratori della Unicoop Tirreno, con particolare riferimento alle criticita’ occupazionali dei punti vendita del basso Lazio, a Pomezia, Fiuggi, Velletri, Aprilia, Genzano, Colleferro e Frosinone, il Governo sta ponendo massima attenzione ed ha annunciato la riconvocazione a breve di un nuovo tavolo istituzionale ministeriale per trovare una soluzione adeguata. Si tratta di una notizia positiva per le ricadute che la crisi occupazionale comporterebbe sul territorio del basso Lazio e per i 145 lavoratori dei punti vendita e le loro famiglie che attendono ormai da mesi. Grazie soprattutto alla responsabilita’ dell’azienda e delle organizzazioni sindacali, per ora e’ scongiurata la cessione di tutti i punti vendita. Quattro di questi, a Pomezia, Fiuggi, Colleferro e Genzano, rimarranno aperti ma subiranno un ridimensionamento, mentre gli altri purtroppo chiuderanno”. Lo ricorda la deputata FI Maria Spena. “Rispondendo a una mia interrogazione nell’Aula di Montecitorio, il sottosegretario Durigon ha ribadito la volonta’ da parte dell’esecutivo di trovare risposte piu’ adeguate per le lavoratrici e i lavoratori, rispetto alla prospettiva di una cassa integrazione. C’e’ quindi poco da star tranquilli finche’ non si arrivera’ a soluzioni ragionevoli. Per quanto mi riguarda – conclude – continuero’ a tenere alta l’attenzione sulla vicenda dei lavoratori laziali di Unicoop Tirreno coinvolti nella crisi aziendale, e a sollecitare il governo sulla questione. Il territorio laziale a Sud della Capitale ha estrema necessita’ di rilancio economico, e la perdita di posti di lavoro, con annesse ricadute sull’indotto, e’ una grave minaccia da sventare, che rischia di impoverire ulteriormente il tessuto sociale e mettere in crisi le famiglie in un’area strategica per lo sviluppo del Paese. Se davvero, come ha ribadito il sottosegretario Duringon, e’ volonta’ del Governo lanciare un segnale concreto al mondo del lavoro, e’ su vertenze di questo tipo che occorre agire. Si faccia presto e si passi dalle parole ai fatti”. (AGI) Com/Bal 301730 GEN 19

Print Friendly, PDF & Email