Spinelli rinuncia alla candidatura a Presidente della Regione Lazio

Il coordinatore provinciale romano Carlo Spinelli: “Accolgo l’invito del presidente Antonello de Pierro e mi ritiro dalla corsa alla presidenza della Regione Lazio“

0
922
spinelli
Carlo Spinelli - Italia dei Diritti Lazio

“Come annunciato dal presidente Antonello de Pierro il movimento Italia dei Diritti sostiene la lista Civica Popolare della ministra Beatrice Lorenzin confluendo nelle sue liste di Camera e Senato. In virtù di questo accordo, per le regionali del Lazio è stato chiesto al candidato presidente del movimento Carlo Spinelli di fare un passo indietro e rinunciare alla candidatura allo scranno di governatore: ”Accolgo l’invito del presidente e ritiro la mia candidatura alla presidenza della regione Lazio – a parlare è l’ormai ex candidato presidente Carlo Spinelli –  ed entro a far parte come candidato consigliere della lista Civica Popolare che sostiene alla carica di governatore l’on. Jean Leonard Touadì. Un passo indietro doveroso dopo l’accordo del Presidente Antonello de Pierro con l’Onorevole Beatrice Lorenzin a sostegno di CP unico soggetto politico in campo a queste consultazioni elettorali dove abbiamo riscontrato appieno quei valori e quei principi che sono alla base del nostro movimento. Tra l’altro – continua Spinelli – la candidatura dell’on Touadì, persona seria ed onesta, alla carica di Presidente del Lazio, ha incentivato ancor di più la mia scelta di rinunciare alla massima carica regionale, e a dare un sostegno importante alla lista di CP ed al suo candidato presidente. L’on Touadì è una  vecchia conoscenza del Presidente De Pierro – prosegue Spinelli – e lo ritiengo la persona giusta per dare un governo di alto profilo alla nostra regione. Quindi – conclude Spinelli – affronterò questa campagna elettorale come candidato consigliere regionale con molto entusiasmo portando avanti quelle che erano e che ancora sono le mie idee, un governo che si interessi veramente dei problemi della gente e che riconosca i diritti di tutti”.

Print Friendly, PDF & Email