Squitieri (Progetto Frascati),”Amministrazione ferma al palo”

0
783
felice_squitieri
Felice Squitieri
felice_squitieri
Il portavoce di Progetto Frascati Felice Squitieri

Felice Squitieri portavoce di Progetto Frascati scrive a Meta Magazine commentando gli ultimi sviluppi della politica frascatana e ponendo l’attenzione sul “turnover degli assessori nell’NCD locale”:

“Caro Direttore,

l’eccessiva attenzione suscitata dal previsto e prevedibile turnover degli assessori nell’ NCD locale, con corredo di latinetto e predicozzi giustificativi da parte di qualche  noto critico dei costumi e della politica locale  denota  tanta  confusione ed autoreferenzialità nel ristretto giro di chi, qui da noi, si occupa di politica. Certo non contribuiscono neppure i comunicati dell’  NCD ed affini (si tratta  ormai di entità che poco hanno a che fare con il   centro-destra e che più che altro guardano agli sviluppi del PD), i quali cercano di dire la loro mediante  dichiarazioni che non solo non chiariscono ma destano conclamate perplessità sulla logica di certe operazioni che, più che altro,  passano sulle teste degli elettori.

Insomma, registriamo grande incertezza, mutuata certamente anche da quella che si registra al livello  nazionale, incertezza in cui alcuni tentano difficili equilibrismi per giustificare l’interesse proprio o di ristrette cerchie  rispetto al metodo politico serio.

Così, disorientati i più , si finisce per perdere di vista quello che è importante e per discutere, per esempio,  dei  tornei calcistici nelle città gemellate,  tutti appassionatamente e logorroicamente concentrati su questioncelle di una  politica  locale che mal si accompagna con la necessità di occuparsi delle cose che contano veramente, nell’ interesse delle persone che vivono e lavorano a Frascati.

E di cose concrete di cui questa amministrazione si dovrebbe occupare  ce ne sarebbero  a bizzeffe.

Vogliamo fare degli  esempi ? Nel consiglio comunale scorso (e sul punto  valeva davvero la pena di accalorarsi come ha fatto Alessandro Adotti!) si è discusso per l’ennesima volta dell’ ipotetica dismissione degli immobili comunali ad uso abitativo, preannunciata e mai attuata dalle amministrazioni a guida PD locale con quelli che prima sostenevano Di Tommaso e poi lo hanno scaricato e che ora sostengono Spalletta…  ma già ci stanno ripensando.

E dei tanto preannunziati “tagli” ai costi della politica? Ne vogliamo parlare? Dove sono i “Robin Hood” ?

Per non parlare della questione del patrimonio ad uso dello sport, fra “griglie”, relazioni mai pervenute, convenzioni ed altro , pare impossibile per questa amministrazione cavare un ragno dal buco!

Insomma quale credibilità può avere questo “teatrino” ?  E se solo ci fermiamo a riflettere un attimo su questa gestione cosa ci dobbiamo aspettare a breve ? Nuove tasse?  Una bella operazione di cartolarizzazione per risolvere i problemi degli  immobili ad uso abitativo, dopo anni d’ improduttività di una politica politicante che discute di tutto, che si occupa di tutto ma che coglie ben pochi,  risultati amministrativi ?

La nostra risposta è non può essere altro che un appello a quelli che non sopportano più questo stato di cose affinché si inizi a ragionare per tempo di un progetto basato su di una coalizione aperta  con un programma amministrativo semplice e snello basato sull’ attenzione alla spesa, sul recupero dell’ efficienza della macchina amministrativa comunale, sul rilancio dell’ economia locale e sulla sostenibilità ambientale e l’innovazione.

L’ amministrazione Spalletta dopo appena un anno e mezzo dal suo insediamento è al “fermo macchina”: è già tempo di pensare al domani (poiché brusche accelerazioni non ci dovrebbero trovare impreparati) prima che Frascati si rassegni ai personalismi, ai criticoni di sempre, ed ad una politica gridata ma senza costrutto ed allo scontento mugugnante ed improduttivo”.

Print Friendly, PDF & Email