Ssd Colonna, Giovanissimi vogliono vincere ancora

0
631
fedeli
Daniel Fedeli
fedeli
Daniel Fedeli

I Giovanissimi provinciali della Ssd Colonna hanno rotto il ghiaccio. Contro tutti i pronostici che la vedevano sfavorita, la squadra di mister Daniel Fedeli ha vinto il testa-coda sul campo della capolista Grottaferrata calcio Stefano Furlani, imponendosi per 1-0. «Abbiamo giocato un buon primo tempo – racconta l’allenatore -, sfiorando il gol del vantaggio con una ghiotta opportunità capitata a Komarov. Poi attorno al quarto d’ora abbiamo segnato con Del Signore e qualche altra occasione l’abbiamo avuta, mettendo in mostra un bel pressing anche in fase di non possesso palla. Nella ripresa il Grottaferrata è rientrato in campo molto “arrabbiato” e voglioso di ribaltare una partita che probabilmente non si aspettava potesse andare così e ci ha messo in difficoltà. Ma i ragazzi, anche quelli che sono subentrati a gara in corso, hanno tenuto duro e portato a casa un successo davvero prezioso». Sono arrivati così i primi punti stagionali per il Colonna. «Questo è un gruppo che io avevo quando molti di loro facevano i Pulcini. Purtroppo nel recente passato hanno vissuto diversi cambi di allenatore per una serie di motivi e l’anno scorso, nella fascia B dei Giovanissimi, hanno fatto un percorso di grande sofferenza. Dopo la partita di domenica ho notato una grande gioia per questa vittoria e un rinnovato interesse verso l’aspetto agonistico, tanti commenti nella chat di gruppo e la voglia di rigiocare presto la prossima partita». Che sarà sabato (alle ore 17,15) tra le mura amiche contro il Torre Angela. «I prossimi avversari hanno qualche punto in più, dovrebbe essere una gara più alla portata rispetto a quella contro la capolista – dice Fedeli – A livello mentale, sarebbe meraviglioso riuscire a fare subito il bis: il gruppo potrebbe ricavarne benefici notevoli. Sono curioso di vedere come avranno “recepito” la vittoria di Grottaferrata. Comunque dico sempre ai ragazzi che diventeranno i migliori: basterà allenarsi intensamente e dimostrare di volersi migliorare, mettendo in campo testa, cuore e gambe».

Print Friendly, PDF & Email