Suoni dall’Italia al Medimex di Bari presenta l’ultimo cd

0
841
Mariella Nava
Mariella Nava
Mariella Nava
Mariella Nava

Una bella presenza quella di Suoni dall’Italia, casa discografica nata per volontà di Mariella Nava, al Medimex di Bari Fiera del Levante.

L’etichetta, da appena un anno, mette in moto le sue turbine e cerca talenti di qualità certa come cura per la crisi che tutti, anche alla stessa Fiera, hanno rilevato. In occasione di questo evento, Suoni dall’Italia ha presentato Alfina Scorza, scelta e premiata al Premio per cantautrici “Sono un’isola” Bianca d’Aponte – Città di Aversa, tenutosi lo scorso 24 e 25 di ottobre e pubblicato il CD “Anima Bianca”, acquistabile nei negozi sia tradizionali sia on line.

Il CD raccoglie le voci delle madrine alternat esi nelle dieci edizioni che hanno cantato gli intensi brani scritti da Bianca d’Aponte, giovane cantautrice a cui il premio è intitolato e che, ad un passo dall’uscita del suo primo disco, venne a mancare alla giovane età di 23 anni, 11 anni fa a causa di un aneurisma.
Presenti all’interno del CD anche le voci di Peppe Servillo e Fausto Mesolella, che da nove anni è il direttore artistico del concorso e che accompagna con le note calde e discrete della sua chitarra le performance delle artiste.
Si susseguono così le voci di Mariella Nava, Rossana Casale, Paola Turci, Andrea Mirò, Petra Magoni, Nada, Fausta Vetere (voce della Nuova compagnia di canto popolare), Elena Ledda, Cristina Donà, Brunella Selo.
Ma il momento più particolare del disco è la dedica di apertura di Fausto Mesolella che irrompe e spiega la filosofia del progetto con la stessa naturalezza e semplicità con cui lascia il passo alla soave e limpida voce di Bianca nella sorridente e gustosissima “Un chicco di caffè”.

Sempre al Medimex la Suoni dall’Italia ci ha regalato altri due momenti emozionanti con l’esibizione di Mimmo Cavallo che ha presentato successi di ieri e novità dal suo album “Dalla parte delle bestie” di recente pubblicazione.
E ancora una folla di persone richiamate piacevolmente dall’abile canto del giovane Marco Martinelli sul brano storico di Claudio Baglioni “Amore bello”.
E una marea di applausi per lui…
La curiosità è che il brano è stato in questi giorni pubblicato su
I Tunes nella versione originale con lo stesso pianista Toto Torquati che al tempo ne registrò i passaggi emozionanti con sapiente tocco e guidato dallo stesso produttore di adesso Antonio Coggio che anni fa realizzò per la RCA, la celeberrima canzone.

Print Friendly, PDF & Email