Valore Comune contro “epurazione” del Prefetto di Latina

0
984
cristina_rossi
Cristina Rossi
cristina_rossi
Cristina Rossi

Quanto accaduto il 12 febbraio scorso nell’Aula Consiliare della Provincia, per chi proviene da una storia di impegno politico condotta sempre nei binari della più severa legalità e del rispetto delle Istituzioni, porta il sapore amaro dell’ennesima sconfitta di tutta la comunità pontina. Auspichiamo di non trovarci di nuovo di fronte all’epurazione di un altro rappresentante dello Stato, come abbiamo dovuto assistere per il Dott. Frattasi, Prefetto fino al dicembre 2009, reo di aver segnalato infiltrazioni mafiose interne al Comune di Fondi, mai sciolto, come avrebbe invece dovuto fare il Consiglio dei Ministri dell’epoca, nonostante il parere favorevole, più volte espresso, dell’ex Ministro dell’ Interno Roberto Maroni.

C’è un sistema che ha preso piede nella nostra provincia che non rispetta le Istituzioni e che va in spregio alle leggi che sono invece uguali per tutti gli altri cittadini. Vogliamo ricordare che di questo vergognoso sistema fece parte la Commissione nominata da Cusani attorno al 2011 per promuovere indagini conoscitive sulla effettiva presenza di malavita organizzata nel nostro territorio, Commissione che stabilì paradossalmente che il nostro territorio era invece scevro da questa forma di contaminazione.

Questo è lo stato di cose nella nostra provincia e preoccupanti sono anche le reazioni dell’opposizione, come il non idoneo e non tempestivo comportamento tenuto di fronte alla gravità dell’assurda mozione anti-prefetto: l’opposizione ha scelto di lasciare l’Aula Consiliare dopo sei mesi di silenzi e di inerzia e di muoversi con tardivi sterili documenti anziché fare azione forte e decisa seduta stante, come sarebbe accaduto se ci fossero stati rappresentanti di grande caratura come un tempo. Quegli stessi rappresentanti che hanno talvolta pagato sotto il peso delle calunnie il loro impegno costante a favore della Legalità.

Oggi Valore Comune, nello sconcerto di questa inverosimile situazione, vuole portare all’attenzione della comunità pontina una riflessione: perché i Prefetti della nostra provincia alla fine sono sempre sotto stato d’accusa, quando esercitano la funzione di garanti della Legalità?

Valore Comune intende, con questo documento, esprimere la propria solidarietà al Prefetto Dott. D’Acunto e segnalare a tutta la comunità il nuovo silenzio su fatti di una gravità inaudita e, a memoria, senza precedenti nella storia della Repubblica.

Print Friendly, PDF & Email