Viabilità, passa in Senato l’emendamento salvaCastelli

Approvato all’unanimità nella notte in Commissione Bilancio a Palazzo Madama l’emendamento salvaCastelli nato dal lavoro dei senatori Saccone e Spena

0
257
saccone_pompili_andreotti_spena
Saccone, Pompili, Andreotti e Spena

Approvato all’unanimità nella notte in Commissione Bilancio a Palazzo Madama l’emendamento “salvaCastelli” nato dal lavoro di squadra del senatore Antonio Saccone (Udc/FI) e della deputata Maria Spena (FI), eletta nel collegio dei Castelli Romani. Al centro l’annosa questione della viabilità dei Castelli, in particolare nel tratto di strada tra il quartiere Pratone, via Rocca di Papa e via Anagnina. Tecnicamente l’emendamento passato in Commissione e venerdì al voto dell’aula del Senato prevede lo spostamento di tre milioni di euro per l’anno 2020 dai capitoli del Mef (Ministero Economia e Finanza) al dicastero di Trasporti e Infrastrutture sulla missione che riguarderà la costruzione di opere stradali. Il progetto specifico al quale guarda con interesse e speranza il Comune di Grottaferrata riguarda la costruzione di un tratto di strada complanare tra via Rocca di Papa e via Seminario nel quartiere Pratone che vada a creare uno svincolo facilitato da una rotatoria sulla via Anagnina. Assieme al senatore proponente Saccone esulta la deputata azzurra Maria Spena, coautrice del testo presentato in prima battuta al Senato (dove ha avuto possibilità di essere discusso) che cautelativamente era stato presentato il mese scorso anche alla Camera. I due parlamentari sono i principali sostenitori dell’iniziativa. “Sono molto felice – dichiara Saccone – perché con questo provvedimento si allevierà il carico di traffico stradale su una arteria già molto ingolfata. Ringrazio la maggioranza e il governo per averlo sostenuto. Insieme alla deputata Maria Spena abbiamo fatto un ottimo gioco di squadra che spero a breve porterà i benefici previsti sul quadrante del Castelli Romani”. “È un grande risultato – aggiunge l’onorevole Spena – che porterà ad un alleggerimento del traffico nei comuni dei Castelli Romani, a beneficio soprattutto di quanti ogni giorno devono raggiungere la Capitale per andare al lavoro. Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto – conclude la deputata azzurra – abbiamo lavorato come sempre per il bene dei residenti del nostro collegio elettorale, tenendo a mente le loro esigenze”, conclude. “Ringrazio per l’impegno e l’attenzione dimostrata al nostro territorio il senatore Saccone e l’onorevole Spena” aggiunge il presidente della Commissione Lavori Pubblici del Comune di Grottaferrata, Federico Pompili. “Quello di stanotte è un risultato importante che rafforza il rapporto tra politica e territorio. Un esempio molto bello del quale siamo grati a tutte le forze politiche che l’hanno votato le quali, approvando all’unanimità, hanno compreso l’importanza e il senso della proposta. È una risposta che attendevamo da molto tempo e che ci arriva direttamente dagli eletti ai piani nobili della politica. Ringraziamo il senatore Saccone, la deputata Spena così come i senatori di Pd, Italia Viva e di tutti i partiti che hanno approvato l’emendamento – dichiara il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti. È naturale che il fine ultimo è la viabilità dell’intera area tuscolana dei Castelli Romani, per cui dovremo attivare ancora di più la collaborazione tra sindaci e amministrazioni di un’area che unita fa sentire la sua voce e conta di più. Sono anche lieto – ha concluso il sindaco – di poter annunciare che la Regione Lazio ha finanziato il progetto di allargamento di via Vecchia di Marino che con la viabilità del Pratone è il naturale completamento dello snodo di Squarciarelli. Una serie di provvedimenti che favoriranno la mobilità e non da ultimo la qualità della vita degli abitanti di Grottaferrata e dei comuni del circondario”.

Print Friendly, PDF & Email