Virtu (s), presentato a Velletri libro su sport e alimentazione

0
1521
mcdonald
Visita alle cucine filiale Mc Donald's di Velletri
mcdonald
Visita alle cucine filiale Mc Donald’s di Velletri

sagra_uva_2015_marino1Quello che vogliamo è parlare ai bambini, sperando ascoltino anche i genitori, per arrivare ad una regolarità nel rapporto tra buona alimentazione e attività fisica. Molte delle patologie degli adulti possono essere infatti prevenute da bambini con un’attenzione specifica a ciò che mangiamo e a quanto ci muoviamo”, è questo il cappello introduttivo del dottor Roberto Curcuruto, autore del volume “Virtu(s) tra sport e salute”, all’evento di presentazione dell’iniziativa messa in piedi da VirtusBasket Velletri con il supporto di McDonald’s Velletri. Il libro che spiega come controllare il proprio peso, cosa fare per mangiare meglio e soprattutto quanto ci si dovrebbe muovere durante il giorno, sarà distribuito gratuitamente a circa 3500 studenti delle scuole primarie di Velletri. Uno sforzo enorme per la società sportiva del presidente Maurizio Prosperi, supportata appunto dal ristorante McDonald’s di Velletri che ha anche ospitato la presentazione di mercoledì 7 ottobre, alla quale erano presenti le autorità civili e sportive della città, a cominciare dal vicesindaco e assessore allo Sport Marcello Pontecorvi, fino ad arrivare alla presidente della Consulta dello Sport Monica Brandizzi.

A fare gli onori di casa Pamela Tarantino, supervisore del ristorante McDonald’s di Velletri, che ha ribadito l’attenzione per la qualità che l’azienda ha sposato e messo in pratica in varie occasioni. “Pochi sanno quanto lo Sport sia importante per noi – ha detto laTarantino – ma in realtà McDonald’s può vantare testimonial del calibro di Massimiliano Rosolino oltre ad una serie di rapporti di altissimo livello. Andando nel dettaglio della nostra offerta poi vorrei sottolineare come ci siano studi specifici per esempio per la composizione degli Happy Meal, ai quali è sempre abbinata una bottiglietta d’acqua per non spingere i più piccoli al consumo dibibite gassate. Ma anche le nostre tovagliette sono esempi di impegno per la salute e la qualità, sul retro infatti è possibile rintracciare l’apporto completo di ognuno dei nostri piatti. Infine un’altra cosa di cui andiamo molto fieri – conclude Pamela Tarantino – è l’Open Door, ovvero il giro in cucina che facciamo fare ai bimbi delle scuole e anche ai singoli in determinate occasioni. Siamo così convinti della qualità dei nostri cibi e della nostra capacità di lavorarli al meglio secondo le rigide procedure McDonald’s che per noi è uno spot sicuramente positivo far vedere da dentro il nostro lavoro”.

La parola è poi passata a Claudio Valentini, general manager della Virtus Velletri, che ha chiarito come uno sforzo economico e organizzativo come quello che si stava presentando presuppone comunque il supporto volontario e gratuito di tanti amici e conoscenti. Dopo aver ringraziato chi ha permesso la realizzazione pratica del volume (oltre all’autore Roberto Curcuruto, Giuseppe Fadda per l’idea grafica, Laura Pezone e Francesca Ibba per la realizzazione grafica) e la stampa dello stesso, McDonald’s di Velletri, Valentini è passato ad evidenziare anche la grande sensibilità dimostrata dal mondo della scuola.“Ma non finisce qui – ha detto ancora il dirigente della Virtus Velletri – perché abbiamo pensato di istituire un concorso dedicato ai bambini di Velletri, che potranno scegliere nome e slogan della mascotte della società che troveranno sul libro del dottor Curcuruto vincendo viaggi e consumazioni al McDonald’s”.

“Il volume comincia con una necessaria presa di coscienza della propria situazione – ha spiegato Curcuruto –, una volta saputo se siamo un po’ sovrappeso o effettivamente obesi possiamo andare a capire come intervenire. La chiave di tutto è la regolarità, una consuetudine a mangiare bene e a muoverci di più che può davvero fare la differenza a livello di salute. I nostri bambini sono ipocinetici, hanno difficoltà a coordinarsi quando iniziano un’attività sportiva perché abituati a muoversi poco tra le tante attività di apprendimento alle quali li sottoponiamo. E invece l’attività motoria dovrebbe essere la prima ora di lezione in tutte le scuole d’Italia, abbinata ad un’alimentazione corretta. Il che non significa integralismo – ha concluso Curcuruto – ma consapevolezza del valore nutriente di alcuni cibi e dell’importanza di frutta e verdura quando sono di stagione”.

Parole di soddisfazione e appoggio anche da Monica Brandizzi, che ha puntato l’attenzione proprio sull’idea di “educare” i bambini ad una corretta modalità di nutrizione e di movimento. Anche l’assessore allo Sport e vicesindaco Marcello Pontecorvi ha plaudito all’iniziativa, ribadendo come i concetti espressi dal libro per quanto non del tutto sconosciuti debbano tuttavia tornare ad essere più presenti nella nostra quotidianità. “Abbiamo a cuore i problemi dell’obesità infantile e tutto quello che esso comporta, – ha detto Pontecorvi – ecco perché possiamo dire di aver fatto solo una parte oggi, perché adesso dobbiamo lavorare tutti per la formazione delle nuove generazioni e la divulgazione di una giusta informazione”.

La serata si è conclusa poi con la visita alle cucine del ristorante McDonald’s dove i presenti hanno potuto apprezzare la rigida osservanza di tutti i dettami qualitativi imposti dalla casa madre, nonché la tecnologia e l’organizzazione del lavoro. A breve quindi il volume “Virtu(s) tra sport e salute” comincerà ad essere distribuito nelle scuole veliterne, sperando davvero che una rinnovata attenzione per questi temi porti sempre più famiglie a coltivare l’uso di ingredienti e materie prime di qualità e, soprattutto, a spingere verso l’attività fisica i propri figli. Se poi si punta sul basket allora si può star certi che l’impegno sarà condiviso anche dalla Virtus Velletri.

Print Friendly, PDF & Email