Vivi AMORocca “Pensare ad un progetto turistico per Rocca di Papa”

Vivi AMORocca dichiara "Se vogliamo effettivamente rilanciare il turismo a Rocca di Papa dobbiamo essere coraggiosi"

0
239
turismo_rocca__di_papa_12_07
Iniziativa per il turismo a Rocca di Papa il 12 luglio
viviamo_rocca_di_papa
Viviamo Rocca di Papa

Vivi AMORocca “Se vogliamo effettivamente rilanciare il turismo a Rocca di Papa dobbiamo essere coraggiosi”

“PENSARE AD UN NUOVO PROGETTO TURISTICO PER ROCCA DI PAPA.

DALLE RADICI AL FUTURO!

CLASSE DEL PATRIMONIO E QR-CODE

Ha avuto inizio domenica 12 luglio, grazie alla competenza ed alla professionalità della nostra Dott.Ssa Diana Rosa Nesci, il percorso di visite guidate all’interno della città di Rocca Di Papa, organizzato dall’Associazione Latinarchè, in collaborazione con il comune di Rocca Di Papa, che terminerà il 30 Agosto a cadenza settimanale. Il nostro impegno nella realizzazione di questo tipo di iniziative, di concerto con lo sviluppo di un vero e proprio turismo di prossimità, ci porta a presentare la nostra idea di progetto turistico per la città. Ritorniamo a parlare di contenuti reali, di un impegno vivo e costante, di una valorizzazione in atto e da incentivare. In una “domenica così calda e così bella” abbiamo girato in lungo ed in largo la nostra Rocca Di Papa vivendola e amandola sul serio. Troppo spesso siamo abituati a crogiolarci nel passato, troppo spesso pensiamo al ruolo nevralgico che Rocca di Papa e i Castelli Romani occupavano nel panorama turistico di un tempo. Quante volte ci siamo sentiti dire che a Rocca di Papa c’erano tre cinema, di come gli abitanti affittassero le loro case per metterle a disposizione dei turisti, mentre loro si spostavano a vivere temporaneamente in cantine o altri luoghi simili. È inutile nasconderlo, tutto questo ha un fascino unico e inimitabile ma dobbiamo cercare di essere concreti e di capire che quel tipo di turismo, quel tipo di “vacanza romana” non esiste più. Se vogliamo effettivamente rilanciare il turismo a Rocca di Papa dobbiamo essere coraggiosi. Consapevoli della nostra storia dobbiamo ripartire costruendo una realtà nuova ed innovativa, chiedendoci cosa il nostro paese può offrire e come possa collocarsi all’interno dell’offerta turistica odierna. Siamo pienamente consapevoli che il rilancio del turismo è un progetto a medio-lungo termine, non pretendiamo di rivoluzionare la situazione nel corso di un’estate, sarebbe irreale, ma vogliamo iniziare a gettare basi solide dalle quali poter crescere sempre più. Noi di Vivi AMORocca vogliamo che la nostra città non sia più passiva, non vogliamo che la nostra storia sia chiusa nei libri a disposizione di quei pochi curiosi che vogliono leggerla. Crediamo fortemente nella potenzialità di una comunicazione attiva del nostro patrimonio culturale, che sfrutti a pieno le risorse che il mondo delle nuove tecnologie ci offre:

1. Come prima azione, presentiamo un progetto che prevede la realizzazione di un percorso di visita all’interno della nostra città tramite dei QR-CODE, dei codici a barre che vengono letti dagli smartphone. Il sistema dei codici Qr va a sostituire i classici pannelli divulgativi i quali, oltre ad occupare molto spazio, hanno un potenziale comunicativo molto limitato. Questi codici si presentano come dei link ipertestuali che rimandano ad un sito o ad una App nella quale saranno caricati i diversi contenuti. Il punto forte di questo progetto sta nella possibilità che il digitale offre in quanto sulla piattaforma non verrà caricato un solo contenuto ma ne verranno caricati diversi, tutti facenti riferimento allo stesso luogo ma che si diversificano in base al target di riferimento. In questo modo l’informazione e il patrimonio diventa accessibile a tutti: bambini, appassionati, esperti o semplici curiosi. Su queste piattaforme saranno poi caricati anche dei materiali extra come interviste agli anziani del luogo, testimoni viventi di storie e tradizioni ormai perse;

2. L’altra grande opportunità che questo progetto offre è la collaborazione con le scuole, la volontà di creare una CLASSE DEL PATRIMONIO. Attraverso progetti didattici studiati a misura, bambini e ragazzi della città produrranno contenuti e interviste che verranno poi caricate sulla piattaforma e faranno dei ragazzi le guide della propria città.

Diamo voce alla città attraverso la tecnologia, ma non dimentichiamo il contatto umano. Vogliamo promuovere un programma di visite guidate con durata annuale che possa offrire una concreta offerta a chiunque voglia visitare il nostro paese. Non solo la classica visita archeologica o artistica ma anche esperienze enogastronomiche a tema e percorsi escursionistici. Rocca di Papa ha la fortuna di aver un patrimonio boschivo sconfinato, ma anche questo silente; ci proponiamo di offrire non solo una segnaletica coerente per chi voglia visitare il bosco ma anche e soprattutto una mappa nella quale vengono riportati i percorsi segnati per difficoltà, tempi e lunghezze.

Mai come in questi tempi si vendono esperienze ed emozioni e noi non possiamo restare fermi. Dobbiamo fare di Rocca di Papa un borgo turistico in cui ricercare emozioni, tradizioni e i sapori autentici del passato. Immaginiamo una Rocca di Papa in cui un turista possa arrivare e scegliere di fare un workshop per la creazione di cestini in vimini, di pittura o di cucina. Immaginiamo una Rocca di Papa in cui si possano prenotare escursioni nel bosco alla scoperta della nostra flora e fauna, ma anche dei bellissimi siti archeologici. Immaginiamo una Rocca di Papa che vende i suoi prodotti tipici; una città colorata dai Murales e un centro storico ricco di botteghe artigiane, un borgo vivo.

Tutto questo deve chiaramente essere accompagnato da una campagna di comunicazione senza precedenti per Rocca di Papa, dobbiamo essere presenti su ogni piattaforma social e raccontarci nel migliore dei modi.

Sappiamo che tutto ciò non sarà semplice da realizzare e che richiederà un grande impegno da parte di tutti noi, ma sappiamo anche che è un impegno necessario se vogliamo lavorare ad un nuovo futuro per Rocca di Papa. Questo non ci spaventa perché siamo consapevoli del nostro potenziale, della nostra grande voglia di cambiare e di rinascere ma siamo soprattutto sicuri del futuro che vogliamo realizzare”. Lo dichiara Vivi AMORocca

Print Friendly, PDF & Email