Volley Settesoli Marino, Quaranta ottimista nonostante le difficoltà

0
897
quaranta
Quaranta
quaranta
Quaranta

La Modo Volley de’ Settesoli Marino mette in difficoltà per lunghi tratti la corrazzata Palau, ma alla fine si deve arrendere per 3-1 nel match giocato tra le mura amiche domenica scorsa. «Abbiamo fatto nel complesso una buona prestazione – dice il martello classe 1993 Giulia Flavia Quaranta – Il primo set è stato pressoché perfetto e lo abbiamo portato a casa per 25-22. Tra l’altro in precedenza avevamo palesato qualche problema nell’approccio alla gara e quindi questa è stata una prima risposta molto positiva, inoltre siamo state molto brave in ricezione. Poi nel secondo parziale abbiamo avuto l’opportunità per spuntarla, ma nei momenti decisivi ci è mancato un pizzico di esperienza al cospetto di una squadra che certamente vincerà il girone e verrà promossa in serie A2. Poi nel terzo e quarto set Palau ha fatto valere la propria forza». Il martello, che fino a un anno fa ha giocato nella posizione di opposto, non è preoccupata per le tre sconfitte subite dalla Modo Volley de’ Settesoli Marino in altrettante gare. «Siamo una squadra molto giovane e diverse di noi conoscono poco questa categoria: la sottoscritta, per esempio, è al suo secondo anno di serie B. Inoltre il gruppo è molto rinnovato e quindi deve completare la sua intesa, ma sono convinto che quella attuale non è assolutamente la posizione di classifica che meritiamo anche perché abbiamo avuto un calendario estremamente complicato finora: ripartiamo dalle cose positive che si sono viste contro Palau, il nostro campionato inizia sabato». Quando la Modo Volley de’ Settesoli Marino di coach Nulli Moroni sarà di scena a Spoleto per affrontare la Lucky Wind-Granfruttato Perugia. «Un’altra gara molto complicata – rimarca la Quaranta -: lì giocano due mie ex compagne di squadra della mia parentesi a Terni nella passata stagione, vale a dire Campana e Favoriti, e avremo di fronte un avversario di livello. Ma proveremo a fare il massimo». La Quaranta è rientrata in una squadra romana dopo aver girovagato altrove. «Giocare qui mette delle pressioni notevoli dal punto di vista mentale, ma cercherò di non pensarci troppo» sorride il martello.

Print Friendly, PDF & Email