Zampana “Abbiamo un bel gruppo, speriamo di tornare a giocare”

Volley Club Frascati (Under 16 maschile), il martello del 2004 Alessio Zampana: “Abbiamo un bel gruppo, speriamo di tornare a giocare”

0
131
u_16_masch
Under 16 maschile

E’ una delle quattro squadre giovanili del Volley Club Frascati che sarà (sarebbe) impegnata nel tabellone conclusivo della sua categoria. L’Under 16 maschile (unica del settore dedicato agli uomini), come anche le Under 14, 16 e 18 femminili, ha disputato una buona prima parte di stagione e attende il superamento dell’emergenza Coronavirus per provare a terminare la stagione. “Un peccato questa pausa perché eravamo riusciti a creare un buono spirito di gruppo e volevamo disputare la parte finale di stagione provando a dare il massimo – dice il martello classe 2004 Alessio Zampana – E’ accaduto questo grave problema e quindi ora stiamo cercando di allenarci come possibile dentro casa, seguendo le indicazioni di coach Gianluca Micozzi”. Secondo Zampana proprio l’allenatore è stato uno dei “segreti” della positiva annata dell’Under 16 maschile. “Gianluca è un allenatore molto preparato che ci ha permesso di crescere sia dal punto di vista tecnico che mentale. Inoltre a livello umano ci è sempre stato vicino e ha saputo instaurare un dialogo costante con il gruppo”. Il giovane martello dà il suo giudizio sulla prima parte di stagione dell’Under 16 maschile tuscolana: “Ce l’abbiamo messa tutta e abbiamo concluso al terzo posto, alle spalle di Volley School Aprilia e Pavona Castel Gandolfo. Siamo convinti, però, di non essere inferiori a queste squadre e l’obiettivo nel tabellone conclusivo è quello di arrivare almeno nei primi tre posti e così garantirci l’accesso al tabellone di Eccellenza”. Zampana, al quarto anno nel Volley Club Frascati, è riuscito a ritagliarsi anche uno spazio nel gruppo della prima squadra (che milita in serie D) oltre ovviamente alla Seconda divisione dove gioca con costanza assieme ai suoi compagni di Under 16: “Poter fare esperienza in serie D è sicuramente importante per noi. All’inizio c’è stato un po’ di “timore”, ma sia coach Micozzi (che allena anche i grandi, ndr) che gli elementi più esperti del gruppo hanno facilitato il nostro graduale inserimento”.

Print Friendly, PDF & Email