Città dell’Infiorata, a Spello l’assemblea dei soci

Nota stampa sull'assemblea dei soci dell'associazione Nazionale ‘Città dell’Infiorata’ con le dichiarazioni del presidente di turno Lorenzon

0
1065
associazione_citta_infiorata
Assemblea Associazione Città dell'Infiorata a Spello

Si è svolta questa mattina (venerdì 13 ottobre ndr) presso il Palazzo comunale di Spello l’Assemblea dei soci dell’Associazione Nazionale ‘Città dell’Infiorata’. Durante la riunione sono state approvate alcune modifiche allo Statuto dell’ente. Tra queste, la modifica dell’articolo 5, che porta da cinque a dieci il numero di anni – che devono essere continuativi – in cui l’ente che richiede di far parte dell’Associazione ha nel proprio territorio infiorate artistiche di dimostrata valenza provinciale; la modifica dell’articolo 8, che prevede la nomina da parte dell’Assemblea dei soci del Segretario e del Collegio dei revisori; la modifica dell’articolo 9, che specifica che in caso di cessazione del Presidente dalla carica di Sindaco, la stessa carica venga ricoperta dal nuovo Sindaco, se disponibile; la modifica dell’articolo 10 che integra la figura del Segretario all’interno del Direttivo. La modifica delle modalità di elezione del Collegio dei revisori e del segretario va a colmare una lacuna normativa all’interno dello Statuto stesso. L’Assemblea dei soci ha poi deliberato l’esclusione delle città che non partecipano a più di tre assemblee consecutive o non versano le quote per più di due rate consecutive, salvo giustificato motivo: tali circostanze verranno comunque valutate dal Consiglio direttivo e poi approvate in Assemblea. Un modo per garantire la partecipazione dei Comuni associati, ma anche e soprattutto per tutelare gli Enti che, trovandosi in difficoltà, non possono rispettare quanto previsto dallo Statuto. Infine, si è deciso di conferire la delega esclusivamente a membri dell’Ente locale: sindaci, assessori e consiglieri; prevedendo altresì la partecipazione consultiva degli infioratori.​ Nata nel 2005 ad opera dei Comuni di Bolsena, Genazzano e Poggio Moiano, ai quali poi pian piano sono andati ad aggiungersi altri piccoli e medi Comuni che coltivano la tradizione dell’Infiorata, l’Associazione Nazionale ‘Città dell’Infiorata’ vuole collegare sotto il profilo culturale tutte le comunità italiane che promuovono e valorizzano il patrimonio artistico delle infiorate; promuovere il ruolo che spetta agli enti locali, nella valorizzazione e tutela della tradizione dell’infiorata, sollecitando e favorendo l’emanazione di normative nazionali e regionali in materia; coordinare le singole manifestazioni promozionali e tecniche dedicate alle Infiorate artistiche, consentendo la partecipazione, con spazi adeguati, agli associati e favorire la promozione e la conoscenza delle zone italiane con la tradizione dell’infiorata artistica. “L’obiettivo della nostra associazione è la promozione e la tutela della tradizione dell’infiorata, cercando di fare rete tra le varie realtà territoriali per il rilancio non solo delle manifestazioni ma proprio delle cittadine stesse – ha spiegato il sindaco di Genzano di Roma, Daniele Lorenzon, presidente di turno dell’associazione –. L’infiorata è una manifestazione di carattere religioso, storico e folcloristico che ci rende famosi in tutto il mondo, ed è solo grazie alla valorizzazione di tali iniziative che possiamo puntare al recupero e al rilancio della vocazione turistica delle nostre realtà”.