Cagnolina maltrattata e abbandonata a Latina

Cristina Valeri denuncia il caso di Lucia, cagnolina abbandonata e resa cieca dopo ignobili crudeltà a Lenola: "Istituzioni riconoscano animali come eseri senzienti e inaspriscano le pene"

0
609
lucia

refertoSi diceva che la tragedia della Pandemia che si è abbattuta su tutti noi ci avrebbe cambiato, ci avrebbe insegnato cosa siano i veri valori della vita e invece, immancabilmente, la natura umana ci  ricorda sempre come taluni possono essere crudeli nei confronti dei più deboli

Lei è  Lucia, ed è stata trovata vagante dalle volontarie nei pressi di Lenola (LT), cieca e sofferente e affetta da leishmaniosi . La sua storia potrebbe essere una delle tante storie di animali abbandonati a loro stessi dopo promesse umane non mantenute se non fosse per il referto medico che pubblichiamo e che evidenzia come il suo corpo sia pieno di piombini! Uno di questi piombini ha causato la cecità di questa buonissima cagnolina.

“Ancora non riusciamo a capire perchè le istituzioni tutte non prendano coscienza di questi atti di violenza inutile – dichiara Cristina Valeri, presidente di AM.AN.T.odv e Coordinatrice del Dipartimento benessere animali di Fratelli d’Italia per la Regione Lazio – e riconosca definitivamente il ruolo di esseri senzienti agli animali. Si parla tanto di Transizione ecologica, di rispetto dell’ambiente ma ci si dimentica che gli animali sono parte integrante del nostro pianeta e costituiscono, insieme a noi, l’equilibrio dell’ambiente sulla Terra.

Ma fintanto che i vari governi non daranno pieno rispetto agli animali riconoscendoli come esseri senzienti e inasprendo le pene per chi commette ignobili atti di crudeltà su di loro, sarà impossibile per l’essere umano fare eticamente un salto di qualità”. Conclude Cristina Valeri.