Carlisport Cogianco, intervista a Ruben Cornejo Braojos

0
1083
ruben_foto_marco_bocale
Ruben Cornejo Braojos (foto Marco Bocale)
ruben_foto_marco_bocale
Ruben Cornejo Braojos (foto Marco Bocale)

IL RAMMARICO DI RUBEN: «COL LATINA UNA SCONFITTA CHE NON CI VOLEVA»

La Carlisport Cogianco è scivolata al secondo posto, ma purtroppo per i castellani questa è una posizione destinata a peggiorare inevitabilmente nelle prossime due partite di campionato, quelle con cui si scriverà la parola fine sul girone d’andata e si capirà chi potrà partecipare alla Final Eight di Coppa Italia (competizione a cui gli uomini di mister Musti hanno già conquistato il matematico accesso) e alla Winter Cup di fine dicembre (e qui le speranze sono davvero flebili visto che andranno solo le prime tre più il Rieti organizzatore).

Nella corsa alla seconda competizione sembra davvero essere stata fatale la seconda sconfitta “casalinga” consecutiva, arrivata al PalaGems di Tor di Quinto (campo scelto per la nota indisponibilità del PalaCesaroni di Genzano) per mano del Latina. I pontini si sono imposti per 5-3 nonostante la doppietta di Boaventura e la rete che aveva aperto il tabellino di Ruben Cornejo Braojos. «Giocare su un campo diverso da quello su cui ti alleni tutti i giorni è certamente uno svantaggio – dice lo spagnolo che lo scorso 17 novembre ha compiuto 30 anni -, anche se con il Latina non abbiamo fatto una cattiva gara. Dopo il gol del loro 2-1, però, siamo stati sempre costretti a rincorrere: nel finale stavamo provando l’assalto col portiere di movimento, ma è arrivato il gol del 3-5 che ha chiuso la partita. Un peccato soprattutto per la possibile qualificazione alla Winter Cup, una competizione bella a cui vorremmo partecipare anche se ora è davvero dura».

La cosa peggiore, forse, è che la Carlisport Cogianco dovrà attendere addirittura il 19 dicembre prima di ritornare in campo visto il ritiro del Cosenza e il turno di stop già in programma a inizio stagione. «Sicuramente stare fermi per qualche giorno ci può agevolare nel recupero di qualche infortunato – riflette Ruben -, però quasi un mese di pausa prima di tornare a fare un match ufficiale è davvero troppo. Cercheremo di allenarci nel miglior modo possibile per farci trovare pronti al match col Montesilvano che sta facendo benissimo».

In questo inizio di stagione Ruben è stato uno dei più incisivi del gruppo castellano. «Posso fare di più, è quella la mia mentalità: mi alleno duramente per cercare di migliorare e dare il mio contributo alla squadra» dice il laterale ex Luparense.

Nel frattempo, i due Campioni d’Italia Under 21 in carica Lucas Vizonan e Fusari sono stati ceduti in prestito al Prato in Serie A2. La Società, dopo averli espressi via social network, ribadisce suoi migliori auguri ai suoi due giovani giocatori, convinta che possano portare un ottimo contributo alla loro nuova squadra e che l’esperienza in A2 con un club dal blasone e la competenza del Prato potrà sicuramente essere di giovamento ad entrambi.