Cristina Valeri denuncia episodio di maltrattamento di animali a Roma

La nota della responsabile del dipartimento benessere animale del Lazio di Fratelli d'Italia

0
414
animali

“Ieri 2 agosto durante lo sgombero degli orti al Fosso delle
Capannelle , area rurale zona Monte Mario, nell’ambito di un progetto
di Città Metropolitana di Roma , si è consumato un grave episodio di
maltrattamento animali ad opera di chi stava dirigendo i lavori per
conto di Città Metropolitana. Le ruspe, su indicazione della
Direttrice  dei lavori Arch Carrè , e nonostante le resistenze da
parte dei cittadini che al momento curano ancora quell’area coltivando
orti e tutelando la biodiversità ivi presente,hanno letteralmente
travolto e  distrutto le aree designate a rifocillare e proteggere i
gatti tutelati dalle colonie regolarmente censite dal Comune di Roma .
E’ un fatto gravissimo, dice Cristina Valeri Coordinatrice del
Dipartimento benessere animali di Fratelli d’Italia Lazio, e ancora
più grave è che a questo reato sia seguito un comunicato da parte
dell’Assessore Sabrina Alfonsi e del Consigliere Rocco Ferraro
congiunto con la delegata Cristina Michetelli in cui si minimizza il
fatto, attribuendolo ad una incomprensione tra uffici . Questo vuol
dire che noi cittadini e gli animali di Roma , tutti noi, siamo alla
mercé di incomprensioni, incompetenze e altro di chi governa la Città
e la Città Metropolitana di Roma.
peraltro la Direzione Uffici Tutela Animali del Comune di Roma aveva
ben rappresentato alla Città Metropolitana che ,anche a seguito del
sopralluogo congiunto del 27 luglio,  non si ravvisa la necessità di
provvedere allo spostamento delle colonie poiché non interessate dai
lavori di demolizione. Ci chiediamo quindi cosa possa aver spinto
questa azione così cruenta, conclude Cristina Valeri.
Oggi si è svolta La Commissione Trasparenza da parte del Municipio XIV
a cui hanno partecipato anche le associazioni animaliste AM.AN.T. odv
Enpa Sez Roma, Lav Sede Roma e Lega del cane  Sez. Ostia le quali
hanno ribadito la loro ferma intenzione di denunciare in tutte le sedi
competenti civili e penali, quanto accaduto precisando che, ai sensi
della legge quadro 281/91  e legge regionale del 1997, nonché in base
al Regolamento tutela animali del Comune di Roma, le colonie feline
non possono essere spostate ma sono stanziali proprio per favorire la
natura dei gatti in esse presenti. Inoltre  le colonie distrutte erano
segnalate tramite numerosi cartelli così come previsto dalla normativa
vigente.
E’ clamoroso come la città Metropolitana di Roma presieduta da Roberto
Gualtieri Sindaco di Roma sia in mano a persone che ignorano le più
elementari regole , dice Stefano Oddo vicepresidente della Commissione
Trasparenza del Municipio XIV e Capogruppo Municipale di Fratelli
d’Italia , e che i loro collaboratori ignorano, volutamente  o meno
non è dato sapere , le regole del comune vivere ed il rispetto degli
esseri viventi e delle biodiversità.
Questa azione realizzata il 2 di agosto, conclude il consigliere
Comunale Stefano Erbaggi di Fratelli d’Italia componente della
Commissione Ambiente del Comune di Roma, in prossimità delle ferie
estive , non ci impedirà certo di chiedere giustizia su un altro fatto
indecoroso che Roma non meritava”. Conclude la nota di Cristina Valeri