Diocesi in ‘Cammino per la terra 2021’ tra Castel Gandolfo e Albano, pensando all’ambiente

'Cammino per la terra 2021' è una camminata simbolica che si svolgerà domani, domenica 3 ottobre – con appuntamento alle ore 15,30 in punto a Castel Gandolfo, in piazzale Giovanni XXIII, che si concluderà ad Albano, in piazza Pia, che si prefigge lo scopo di sottolineare non solo l'importanza della tutela dell'ambiente, della natura e del creato ma, più in generale, anche del rispetto dovuto alle sue ricchezze frutto dell'amore di Dio, ossia terra, aria e acqua.

0
136

Diocesi in ‘Cammino per la terra 2021’ tra Castel Gandolfo e Albano, pensando all’ambiente

‘Cammino per la terra 2021’ è una camminata simbolica che si svolgerà domani, domenica 3 ottobre – con appuntamento alle ore 15,30 in punto a Castel Gandolfo, in piazzale Giovanni XXIII, che si concluderà ad Albano, in piazza Pia, che si prefigge lo scopo di sottolineare non solo l’importanza della tutela dell’ambiente, della natura e del creato ma, più in generale, anche del rispetto dovuto alle sue ricchezze frutto dell’amore di Dio, ossia terra, aria e acqua. All’evento partecipera Don Antonio Salimbeni, parroco delle parrocchie “Sacra Famiglia di Nazareth” di Albano-Cancelliera e “Nome SS.mo della Beata Vergine Maria” di Ariccia-Fontana di Papa, che darà una testimonianza della sua attività a tutela dell’ambiente della salute e delle potenzialità agricole del territorio e i suoi due stretti e fidati collaboratori parrocchiali, Antonio Basile e Michele Recano. L’evento è organizzato e promosso dalla Diocesi di Albano e si svolgerà alla presenza anche di Monsignor Vincenzo Viva, da poco Vescovo di Albano. Lo scopo della camminata, come accennato in apertura, è quello di vivere in comunione fraterna l’amore, il rispetto e la tutela del Creato, in altre parole l’ambiente, il territorio, la natura e le sue ricchezze come l’aria, la fecondità del suolo, l’acqua, i frutti che essa ci dona , come ci ha ricordato con intensità papa Francesco nella sua enciclica ‘Laudato Sii’.

“Partecipiamo alla camminata – scrivono gli autori dell’appello in una nota stampa – perché dobbiamo essere consapevoli che la responsabilità di questo compito riposa su tutti noi, nessuno escluso; non aspettiamo di vedere il Creato rovinato in modo irrimediabile, prima di muoverci. Il problema della tutela dell’ambientale interroga fortemente la nostra coscienza di uomini e donne, indipendentemente dalla forma di esercizio della fede che ognuno adotta; siamo tutti fratelli nel proteggere la nostra unica casa comune, che il Signore ci ha donato. Corre l’obbligo ricordare che per questo evento sono state chieste ed ottenute tutte le autorizzazioni da parte delle autorità competenti. Sì ricorda di rispettare tutte le disposizioni anti Covid, come distanziamento ed uso delle mascherine in caso di assembramento”.

Print Friendly, PDF & Email