Galieti consegna Encomi Solenni alla Polizia Locale di Lanuvio

La consegna al Comandante della Polizia Locale Sergio Ierace ed altri operatori del corpo in ocasione delle celebrazioni di San Sebastiano a Lanuvio

0
105
sansebastianolanuvio
Celebrazioni di San Sebastiano a Lanuvio

In occasione della ricorrenza di San Sebastiano, patrono della municipalità e protettore dei corpi di polizia locale d’Italia, a Lanuvio, presso l’oratorio parrocchiale Don Bosco di via Sforza Cesarini, si è svolta la Santa Messa, tenuta dal parroco Don Andrea De Matteis, alla presenza del sindaco, Luigi Galieti, del vicesindaco, Andrea Volpi, del presidente del consiglio, Maurizio Santoro, degli assessori Mario Di Pietro e Alessandro De Santis, dei consiglieri comunali, Luisa Linari, De Caterini Tonino, D’Alessio Rodolfo.

La cerimonia ha visto la partecipazione di rappresentanti delle forze dell’ordine operanti sul territorio e del volontariato. Tra i presenti anche il comandante della stazione locale dei carabinieri, diretta dal M.llo C. Moretta Clemente.

A celebrazione conclusa, il Sindaco Luigi Galieti, ha conferito encomi solenni al comandante della polizia locale Sergio Ierace ed alcuni operatori del Corpo che si sono particolarmente distinti in attività istituzionali a servizio della città. Premiata anche la protezione civile comunale per le attività svolte sul territorio.

“Ringrazio il Comandante Sergio Ierace e ciascun agente della Polizia Locale  – ha detto Galieti – ma anche il comandante della stazione locale dei carabinieri e tutte le forze dell’ordine civili e militari per il grande impegno  svolto in questo delicato momento. Un doveroso ringraziamento lo merita anche il nostro Parroco, Don Andrea De Matteis”.

Per l’occasione, il comandante della polizia locale di Lanuvio, ha dato lettura della preghiera a San Sebastiano, auspicando una collaborazione proficua con tutte le forze del territorio, ribadendo le parole della preghiera a San Sebastiano: “Fa che ognuno di noi – ha dichiarato Sergio Ierace – nel proprio ruolo, possa essere pronti a soccorrere chi ha bisogno, rigoroso nel dovere, amante della legge, forte nelle intemperie, deciso con chi offende la Morale, la Religione e la Legge”.