Incendio di Roncigliano, nota di Carlo Spinelli (Italia dei Diritti Ariccia)

0
1255
roncigliano
Discarica di Roncigliano
roncigliano
Discarica di Roncigliano

Incendio di Roncigliano, diamo spazio di seguito alla presa di posizione del Coordinatore di Italia dei Diritti Ariccia Carlo Spinelli:

“Quanto successo giovedì pomeriggio alla Discarica di Roncigliano riporta alla luce l’annoso problema dei rifiuti – esordisce così nella nota il coordinatore di Italia dei Diritti Ariccia Carlo Spinelli. Innanzitutto sarebbe bene sapere cosa si è sprigionato con la nube che ha invaso i cieli di parte dei Castelli Romani e del litorale e cosa contengono le polveri che si sono depositate sui terreni circostanti il sito di differenziazione e quali conseguenze porterà alle colture dei campi. Informazioni necessarie che tutti noi cittadini che viviamo a ridosso dell’impianto dobbiamo conoscere per prendere adeguate contromisure.  Inoltre questo episodio conferma ancor di più – continua così la nota – quanto sia importante effettuare dai comuni una raccolta differenziata spinta che porti a percentuali come Ariccia e Genzano  e che renda meno gravoso (oltre che meno costoso) il lavoro di differenziazione che viene svolto dall’impianto di via Ardeatina ad Albano Laziale ed evitare o comunque ridurre al minimo i rischi per la nostra salute. Non vogliamo pensare – ancora Spinelli – che il fatto di non  differenziare alla fonte i rifiuti, ma portare più indifferenziata possibile agli impianti di differenziazione celi altri interessi che vanno poi a calpestare quello che è il diritto alla salute. Noi di Italia dei Diritti chiediamo ai sindaci di quei comuni che ancora non effettuano una raccolta differenziata seria di provvedere al più presto a seguire le orme di città come Ariccia e Genzano, di lavorare fin da adesso al progetto di una raccolta differenziata che possa ridurre al minimo l’indifferenziato e, oltre che tutelare la salute dei propri cittadini, diminuire le spese di gestione per la raccolta e il conferimento dei rifiuti. Differenziare – conclude così il coordinatore di Italia dei Diritti Ariccia – fa bene alle casse comunali, alle tasche dei cittadini ed alla salute nostra e delle generazioni  future”.