MOCI presenta a Roma il suo album di esordio MORBIDO IL 24 SETTEMBRE

MOCI è il nome d’arte di Marco Colagrande, un cantautore romano classe '97 che prova a superare il trauma dell'inizio post-adolescenza nel migliore dei modi possibili: non uscendone mai.

0
138

IL 24 settembre, all’Eur Social Park di Roma (Via di Val Fiorita 144_ INGRESSO GRATUITO FINO A ESAURIMENTO POSTI) MOCI presenta in anteprima live il suo album d’esordio MORBIDO, uscito a fine ottobre 2020 per Sbaglio Dischi e Carosello Records, che non è mai stato portato su un palco a causa dei rimandi del tour per il coronavirus.

I cancelli dell’Eur Social Park si apriranno alle 19.00, alle 21.00 on stage l’open act della serata gli IN JUNE trio elettro rock romano. Alle 22.00 avrà inizio il live di MOCI.

MOCI

Definito la “Next Big Thing della scena romana” per Rockol, Just Discovered per MTV con il suo primo singolo, cantautore romano all’incrocio tra Mac DeMarco e gli Slowdive secondo DLSO.

MORBIDO, album d’esordio dell’artista romano, è stato anticipato dai tre singoli Pensieri Bellissimi, Primo Piano e Telegiornale.

Moci esorcizza i sentimenti più angoscianti e cupi della vita, come la morte, la paura, il dolore attraverso osservazioni profonde e mai banali, ribaltando atmosfere, situazioni e idee; mescolando un raffinato gusto per la melodia con una scrittura che è contemporaneamente concreta e astratta,

Il titolo dell’album è strettamente legato al nome dell’artista, MOCI è il vezzeggiativo con cui la madre di Marco Colagrande, classe ‘97, lo chiamava da piccolo, per indicare le sue curve morbide, le guance pronunciate, la rotondità del corpo. Per MOCI la morbidezza è in qualche modo una manifestazione di dolcezza e di bontà.

MORBIDO è il diario personale di Moci, di tutto quello accaduto tra la primavera del 2017 a oggi. Ogni pezzo è un capitolo della serie di sfortunati o più fortunati eventi di un morbido ventenne di Roma Nord, tra delusioni, lavori sbagliati, misantropia e protezione. È un album che parla di quanto sia complesso crescere, staccarsi da quel senso di spensieratezza adolescenziale per andare incontro alle aspettative disilluse dell’età adulta, il tutto con una scrittura e una produzione sempre molto personale, che non necessità di strizzare l’occhio alle tendenze, per farsi ascoltare.

MOCI è il nome d’arte di Marco Colagrande, un cantautore romano classe ’97 che prova a superare il trauma dell’inizio post-adolescenza nel migliore dei modi possibili: non uscendone mai.

Nel 2019 pubblica un paio di pezzi e inizia a suonare nei locali cult della capitale, interessando da subito addetti ai lavori e pubblico. In occasione del suo primo live Rockol lo ha definito “la next big thing della scena romana”, nel 2020 punta a conquistare il pubblico anche oltre i confini capitolini.

Moci mescola un raffinato gusto per la melodia con una scrittura che è contemporaneamente concreta e astratta. A marzo 2020 pubblica Pensieri Bellissimi, primo singolo estratto dall’album, seguito poi da Primo Piano e Telegiornale. Il 27 ottobre 2020 esce MORBIDO, suo disco d’esordio.

Foto: https://drive.google.com/drive/u/0/folders/1sSYBteAcomXikaOhrvl072rLZBavVl6S

 

Print Friendly, PDF & Email