Nasce On Casting, intervista alla fondatrice della piattaforma Silvia Paonessa

La fondatrice della nuova piattaforma digitale per professionisti dell'entertainment sull'idea di digitalizzare un settore come quello delle attività di casting

0
307

Nasce On Casting: intervista alla fondatrice della nuova piattaforma digitale per professionisti dell’Entertainment

Protagonista della nostra intervista è Silvia Paonessa, la fondatrice della start-up italiana alle spalle della piattaforma per casting online On Casting: in pochi mesi, l’applicativo che si pone come obiettivo quello di connettere produzioni, direttori del casting, agenti e artisti ha ottenuto un ottimo riscontro e, dopo il lancio in Italia e Inghilterra, si appresta a quello in Francia.

Come nasce l’idea di digitalizzare un settore come quello delle attività di casting?

Come nel caso di molti progetti ambiziosi, l’idea di On Casting nasce da un’esigenza precisa: quella di creare uno strumento efficiente che consentisse di organizzare e ottimizzare il lavoro di tutte le parti coinvolte, sfruttando le possibilità offerte dalla tecnologia e dalla naturale tendenza ad un mondo “sempre più connesso”.

Studiando i mercati esteri e l’offerta presente in altri paesi è stato facile intuire la mancanza di un applicativo davvero completo, in grado di unire le funzionalità dedicate al lavoro di agenzie e produzioni a quelle riservate invece ai candidati da selezionare per i vari ruoli.

Il riscontro fin qui ricevuto ha superato le aspettative: On Casting va a colmare una lacuna che molti percepivano all’interno del settore e il grande lavoro svolto per rendere davvero performante il nostro sistema ha completato l’opera. Siamo senza dubbio molto soddisfatti dei risultati, ma anche consapevoli che le aspettative sui futuri sviluppi della piattaforma sono sempre maggiori.

 

A chi si rivolge nello specifico On Casting?

On Casting è un applicativo online dedicato a tutti i professionisti del settore dell’Entertainment audio/visivo, con particolare riferimento alle produzioni televisive e cinematografiche.

La piattaforma nasce per agevolare il lavoro degli studi di produzione e dei direttori del casting, ma anche quello delle agenzie e dei singoli artisti. Nel novero degli addetti ai lavori cui On Casting si rivolge, poi, rientrano anche i membri delle film commission, ovvero negli enti impegnati in attività di promozione del territorio nazionale.

Quali difficoltà ha incontrato On Casting nei primi mesi di vita?

Come in altri ambiti produttivi, la resistenza alla digitalizzazione e all’adozione di nuovi strumenti e metodi di lavoro si è inizialmente palesata anche con On Casting.

Il timore principale avanzato da alcuni addetti ai lavori riguardava la possibilità che questo strumento sostituisse l’opera prestata da specialisti del casting e agenzie.

Naturalmente le cose non stanno così. On Casting fornisce utili strumenti che connettono la domanda con l’offerta, agevolando il lavoro di tutte le parti. Tuttavia, nessuno strumento digitale o algoritmo è in grado di replicare in autonomia il delicato compito di chi si occupa della gestione del portfolio e delle attività di un artista, come pure quello di chi svolge le attività di selezione.

L’esperienza, il know-how e non, ultimo, la passione dei professionisti che operano in questo settore restano ingredienti fondamentali, dai quali non è possibile prescindere.

La vera novità introdotta da On Casting è… ?

La capacità di creare un filo diretto tra tutte le parti coinvolte, agevolando lo scambio di materiali, nel pieno rispetto della sicurezza dei dati personali.

Prima della nascita di On Casting, gli scambi di informazioni, curriculum, book fotografici e video provini avvenivano in modo caotico, coinvolgendo applicativi, software e formati digitali sempre diversi da agenzia ad agenzia e da società di produzione a società di produzione.

La nostra piattaforma centralizza tutte le attività di “back office” offrendo un canale di comunicazione diretto tra direttori del casting e agenzie, produzioni e talenti in cerca di un’occasione, con un chiaro impatto positivo sulle tempistiche di lavoro.

On Casting mira a trasformarsi in un vero e proprio punto di riferimento sul web, anche sul fronte della formazione in campo artistico. Proprio per questa ragione, al momento sono in fase di avvio nuovi progetti che mirano a coinvolgere scuole, enti nazionali e associazioni di categoria.

La spinta alla digitalizzazione è diventata ancora più forte con lo scoppio della pandemia. La nascita di On Casting rientra nel quadro dei progetti nati in risposta all’emergenza sanitaria?

Non proprio. Il progetto On Casting nasce diversi mesi prima dell’inizio della pandemia da COVID-19 e del primo lockdown. Io e i miei collaboratori coltivavamo l’idea già da tempo, spinti dalla convinzione che un nuovo modello di gestione delle attività di casting basato sulla digitalizzazione avrebbe apportato vantaggi certi.

I feedback positivi ottenuti dopo il lancio della prima versione della piattaforma e il confronto costante con produttori, direttori del casting, agenti e performer ha fornito lo stimolo e gli indispensabili spunti per migliorare il nostro prodotto, concentrandoci su tutte le possibilità di ottimizzazione.

 

Nella pratica, quali sono i vantaggi che derivano dall’adozione di On Casting come strumento di lavoro?

In primis, uno snellimento di tutte le attività di segreteria (comunicazioni, ricezione e invio di materiali e documenti, ecc.) con tutti i benefici che ne conseguono sul fronte delle tempistiche e, naturalmente, anche dei costi. Nel caso delle produzioni televisive e cinematografiche (per definizione soggette a molte variabili) la semplificazione può tradursi in un risparmio molto importante.

Basti pensare che con un’unica sessione di casting diventa possibile gestire la selezione del pubblico e dei concorrenti di un programma televisivo oppure degli attori per tutti i ruoli di un film, dalle comparse ai protagonisti.

On Casting è uno strumento su misura per piccoli studi di produzione e artisti indipendenti o adatto anche alle grandi realtà corporate?

La piattaforma si adatta perfettamente alle esigenze di piccole e grandi aziende, con gli stessi identici vantaggi: snellimento dei processi e risparmio in termini di tempi e costi.

On Casting, d’altra parte, è anche frutto della collaborazione diretta con emittenti televisive nazionali ed estere: il flusso di lavoro delle realtà di grandi dimensioni è nel DNA della piattaforma sin dalle fasi embrionali del suo sviluppo.

Non solo: consapevoli della necessità di soluzioni e funzionalità “su misura”, mettiamo a disposizione di società corporate e realtà strutturate la possibilità di adeguare le funzionalità di On Casting ai flussi aziendali, attraverso l’integrazione di nuovi strumenti personalizzati.

Quello della Business Transformation in ottica digitale, d’altra parte, è un tema centrale per il nostro progetto. Siamo consapevoli delle difficoltà incontrate dalle grandi realtà, spesso “imbrigliate” da sistemi e soluzioni tecnologiche che non riescono a tenere il passo con la costante evoluzione delle tecnologie digital. Per questo, scegliamo di affiancarci ai nostri partner nei processi di “organizzazione esponenziale del lavoro”, ovvero nella definizione degli step che ciascuna funzione aziendale deve affrontare per adottare nuove soluzioni tecnologiche.

Per concludere: qual è il punto di forza centrale di On Casting?

Il vero punto di forza di On Casting è la possibilità di mettere in comunicazione persone da ogni parte del mondo, superando tutti i limiti dei casting tradizionali.

Le produzioni itineranti, ad esempio, hanno la possibilità di entrare in contatto con agenzie e artisti residenti in Italia, ma anche in altri paesi europei e non. I vantaggi sono evidenti: scrutinare curriculum e provini diventa semplice e veloce, con le stesse logiche entrate ormai nel nostro quotidiano attraverso gli strumenti social.

On Casting è un progetto di ampio respiro, completo sul fronte delle funzionalità e chiaro nella sua value proposition: agevolare il lavoro e massimizzare la produttività e il rendimento di tutte le parti coinvolte.