Ospedale di comunità a Ciampino, scambio di accuse tra Porchetta e Ballico

Botta e risposta tra la candidata del centrodestra Daniela Ballico e quello della coalizione civica di sinistra Alessandro Porchetta

0
100
comune_ciampino
Comune di Ciampino

Duro scambio tra la Sindaca uscente Daniela Ballico, ricandidata dal centrodestra, ed Alessandro Porchetta, candidato di una coalizione civica di sinistra alle elezioni del 12 Giugno, sul tema dell’ospedale di comunità.

PORCHETTA: “SU OSPEDALE DI COMIUNITA’ BALLICO RACCONTA BALLEE”

“La candidata a Sindaco Daniela Ballico racconta balle, offendendo l’intelligenza dei cittadini. Non ci sarà nessun “Ospedale di Comunità” a Ciampino, sia che governi lei sia che governi qualunque altro candidato! La Regione Lazio, soggetto competente in materia, con le D.G.R. 1005/1006/1007 del 30/12/2021 ha già approvato il piano regionale che prevede l’attivazione di 11 Case della Comunità, 6 Ospedali di Comunità, 6 Centrali operative territoriali (dislocate sul territorio, una per distretto: H1, H2, H3, H4, H5, H6).

I luoghi dove sorgeranno le strutture finanziate coi fondi PNRR sono stati individuati. La candidata del centrodestra continua a ripetere di avere inviato una mail alla ASL RM6 e addirittura la pubblica on-line.

E’ ignoranza? E’ malafede? Qualunque cosa sia è vergognoso illudere così i cittadini”. Lo dichiara il candidato Sindaco Alessandro Porchetta.

BALLICO: “CARTE SMENTISCONO PORCHETTA”

“Negli ultimi giorni del mio mandato da Sindaco c’è stato un importante carteggio di lettere ed email tra la sottoscritta e la ASL Roma 6 per programmare la realizzazione di un ospedale di comunità nella struttura del nostro Ostello comunale attraverso i fondi del PNRR. Carte che smentiscono su tutta la linea le farneticanti dichiarazioni di Porchetta. Purtroppo non è difficile immaginare che la ASL, dopo la caduta della nostra Amministrazione per colpa di pochi irresponsabili, non avendo più trovato un interlocutore politico, abbia dirottato i propri sforzi verso altri progetti, mettendo in secondo piano la realizzazione del nostro ospedale di comunità”.

“Ciampino avrebbe meritato un’opposizione più responsabile e orientata verso il bene dei cittadini di Ciampino. Se Porchetta, insieme ai consiglieri traditori e al resto dell’opposizione non avessero anteposto i loro interessi politici al bene della città, dimettendosi nottetempo dal notaio, oggi Ciampino avrebbe già potuto avere il suo ospedale di comunità”. Lo dichiara, in una nota, il Sindaco uscente di Ciampino, Daniela Ballico.

“Al momento, nella nostra Città, grazie alla nostra Amministrazione e a quanto programmato assieme alla ASL Roma 6 durante il nostro mandato, è prevista la realizzazione di una “Casa di comunità”, ma, se verrò rieletta Sindaco, non mi darò pace finché non avrò portato a termine il progetto iniziale di realizzare anche un ospedale di comunità dove adesso sorge l’Ostello comunale, che è tornato a disposizione dei cittadini di Ciampino sempre grazie al nostro impegno e alla nostra politica del fare”.

“Porchetta ha perso l’ennesima occasione per schierarsi dalla parte dei cittadini. Se davvero avesse a cuore il bene pubblico di Ciampino, dovrebbe ringraziarci per i risultati ottenuti, invece di essere contento per la mancata occasione dell’immediata realizzazione di un ospedale di comunità per effetto delle sue dimissioni”.

“Purtroppo – continua la Ballico – i danni prodotti dalla demagogia e dalla malafede di Porchetta, dei consiglieri traditori e dell’opposizione tutta sono incalcolabili. Questi personaggi, a cui nulla importa del futuro della Città, dovrebbero chiedere scusa ai cittadini di Ciampino per i danni arrecati con la loro scelta di dimettersi proprio nel momento cruciale per la programmazione dei progetti da realizzare con i fondi del PNRR dopo la grande depressione della pandemia”.