Spari a via Cervinara, Polizia arresta un 37enne

Via Cervinara. La Polizia di Stato interviene tempestivamente e arresta un cittadino romeno di 37 anni. Aveva da poco sparato 2 colpi con una Smith & Wesson calibro 357 sul finestrino lato passeggero della sua auto.

0
130

Via Cervinara. La Polizia di Stato interviene tempestivamente e arresta un cittadino romeno di 37 anni. Aveva da poco sparato 2 colpi con una Smith & Wesson calibro 357 sul finestrino lato passeggero della sua auto.

Rapido e tempestino l’intervento degli agenti del VI Distretto Casilino, diretto da Isea Ambroselli e degli agenti della sezione Volanti diretta da Massimo Improta, per una segnalazione di persona armata di pistola. E’ successo la notte scorsa in via Prenestina angolo via Cervinara. Ad allertare il NUE 112 una signora alla vista di un uomo armato di pistola. Al loro arrivo i poliziotti hanno individuato immediatamente l’autovettura segnalata, al cui interno riposta sul sedile lato passeggero con il calcio rivolto verso il guidatore, c’era una pistola, risultata essere una Smith & Wesson calibro 357. Accortisi della pericolosità del fatto, avvalorato dalla constatazione che l’uomo aveva appena sparato due colpi al finestrino lato passeggero dell’auto, i poliziotti hanno bloccato R.S.I., 37enne originario della Romania. L’indagine è poi proseguita.

I poliziotti della Polizia Scientifica hanno infatti provveduto a prelevare residui di polvere da sparo sulla mano dell’uomo e ad effettuare tutti i rilievi per documentare esattamente la scena, mentre gli agenti intervenuti hanno effettuato una perquisizione all’interno dell’abitazione dell’uomo appena fermato.

Qui, precisamente nella camera da letto, i poliziotti hanno sequestrato 48 cartucce calibro 357 e due repliche di pistole.

Al termine degli accertamenti R.S.I. è stato arrestato per detenzione illegale di arma da fuoco e per aver creato pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica a causa dell’esplosione dei 2 colpi di pistola. Al termine degli atti di rito l’uomo è stato  associato in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email