TDR 2023: Il punto di Marco Tosini: “Orgoglio, gioia e emozione!”

Le congratulazioni di Luca Bergamini, il ricordo di Pietro Colantuoni, la soddisfazione di aver arricchito la bacheca di Via Tiburtina con il sedicesimo Trofeo. Un eccellente bilancio per il primo anno da Responsabile regionale di Marco Tosini al Torneo delle Regioni.

0
509

Un soddisfatto Marco Tosini, Responsabile del Calcio a cinque laziale, fa il punto della situazione sul Torneo delle Regioni, giocato in Veneto dall’1 al 7 Aprile.

“Una fantastica esperienza – inizia il numero uno del futsal regionale – La prima da Responsabile regionale, dopo tante vissute nello staff dell’amico Pietro Colantuoni.

Coronata dalla conquista dello scudetto con la Rappresentativa Under 15

“Un risultato davvero prestigioso. Una categoria dove solo una volta, nel 2016, il Lazio era riuscito a portare a casa la coppa. Con questo successo ci confermiamo, con 16 successi complessivi, la prima regione d’Italia nell’Albo d’oro della manifestazione, mantenendo inalterato il vantaggio sul Veneto, padrone di casa, che anch’esso ha conquistato un alloro nel femminile.”

Che valutazione dai a questa edizione del Torneo?

“Un’ottima organizzazione, con tutte le delegazioni ospitate nella stessa struttura. Un andirivieni di migliaia di protagonisti, tra atleti, dirigenti e tecnici. Una festa di colori, di dialetti, di rumore di gioventù, il suono più bello dello sport.”

E dal punto di vista agonistico?

“Il Futsal è molto cambiato negli ultimi anni. Dieci anni fa eravamo in pochissime regioni a contenderci la vittoria finale in tutte le categorie. Oggi invece i quattro successi sono stati appannaggio di quattro diverse rappresentative regionali, Veneto, Campania, Sicilia e poi, ovviamente, il Lazio nella categoria di base. E’ una evoluzione che si sta consolidando negli anni. Il movimento cresce in tutta Italia e di questo non possiamo non esserne tutti soddisfatti.”

Come sono andate, complessivamente le Rappresentative laziali?

“E’ mancato solo un pizzico di fortuna. Abbiamo portato tre squadre su quattro ai quarti di finale. L’Under 17 e la Femminile si sono arrese solo ai calci di rigore, pareggiando entrambe, la prima con la Sicilia per 2 a 2 nei tempi regolamentari in semifinale e le ragazze con lo stesso punteggio contro la Calabria ai quarti. Per l’Under 19, invece, ci siamo dovuti fermare alla fase a gironi.”

Qual è stato il segreto di questa bella affermazione?

“Innanzitutto, l’estremo impegno e la grande educazione mostrata da tutta la nostra Delegazione. Non dobbiamo dimenticare che stiamo sempre parlando di un Torneo giovanile, anzi, del più importante Torneo giovanile d’Italia. E’, prima di un evento agonistico, un momento di crescita dei nostri ragazzi. Un momento, come ci ricorda sempre il Presidente Zarelli, dove trasmettere valori importanti e dove un giocatore deve ricordarsi di essere un esempio per i compagni e per tutto il mondo che lo osserva, in campo e fuori. E, sotto questo punto di vista, debbo dire che tutti hanno rispettato questo mandato. Grande Fair Play in campo e altrettanto rispetto e educazione fuori. Bastava entrare negli spogliatoi dopo ogni gara per constatare con che rispetto e con che cura le nostre ragazze e i nostri ragazzi hanno trattato le strutture che ci hanno ospitati. La stessa cosa nel Villaggio. Una soddisfazione che si somma a quella di tornare a Via Tiburtina come Campioni d’Italia.”

E’ stata la prima affermazione di Mister Fazio alla guida di una Selezione Regionale.

“Davide ha fatto un ottimo lavoro, sia tecnico che motivazionale, riuscendo a gestire nel modo migliore anche qualche momento non facilissimo. Ha potuto contare su un ottimo staff e su un altrettanto ottimo gruppo di ragazzi che hanno dimostrato, sul campo, di essere i più bravi d’Italia.”

E sono arrivati anche i complimenti del Presidente della Divisione, Luca Bergamini

“Conservo gelosamente il messaggio che il Presidente mi ha inviato subito dopo la finale. Ha riconosciuto il valore del nostro successo in una categoria strategica per la crescita del nostro movimento e ha condiviso con me il ricordo di Pietro Colantuoni al quale voglio dedicare questa affermazione. Un momento di grande gioia, ma anche di comprensibile emozione.”

E, per concludere, i ringraziamenti di rito

“Non di rito, ma di sostanza. Un grazie a Mister Paolo Forte e al gruppo dell’under 19. Usciti contro il Piemonte VA tra gli applausi. Un palo, una traversa, tre tiri liberi a disposizione, non sono bastati ai ragazzi più grandi per superare il turno, nell’unico girone dove non era possibile il ripescaggio per le seconde. Per Femminile e Under 17 vale lo stesso discorso. Quando è la lotteria dei calci di rigore ad assegnare il passaggio e si ritorna a casa imbattuti, bisogna solo fare i complimenti a tutti, Mister Biondi e Mister Giuliani in primis. Abbiamo dimostrato a tutta Italia di essere la Regione dove il Calcio a cinque da sempre cresce per risultati, per comportamento, per esempio. Un ottimo viatico per il futuro del nostro movimento regionale e non solo. E, infine, il grazie più grande va ai Campioni d’Italia dell’Under 15 di Davide Fazio e del suo Staff. Una soddisfazione così importante che non ha parole per essere espressa. Una esperienza complessiva davvero di prim’ordine, che ci sprona a lavorare sempre con più impegno per essere ripetuta e migliorata anche nelle prossime edizioni.”