Ariccia, Loredana Mariani racconta il suo impegno in tempo di Covid

L’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ariccia, l'avvocato Loredana Mariani, racconta il suo impegno in tempo di Covid.

0
132
loredana_mariani
Loredana Mariani

L’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ariccia, l’avvocato Loredana Mariani, racconta il suo impegno in tempo di Covid.

Fedele alle linee guida di Fratelli D’Italia, l’assessore ai Servizi Sociali di Ariccia, avv.  Loredana Mariani, senza se e senza ma, guarda avanti e punta dritto all’obiettivo: migliorare la vita dei cittadini. Questo il suo slogan.

Dal 23 ottobre 2020 alla guida dell’assessorato del comune ariccino, l’avvocato Mariani, conosciuta e apprezzata nel territorio ma anche nella capitale, per l’alto senso di giustizia e la profonda  conoscenza della legge, si presenta così: netta, chiara e decisa a fare il meglio per i cittadini, superando ostacoli e difficoltà di ogni ordine e genere.

Un esordio difficile, tuttavia, quello della Mariani costretta a fare i conti sin da subito con i mille disagi comportati dal coronavirus.

“Purtroppo – dichiara – la pandemia ha amplificato le tante difficoltà già esistenti nel nostro territorio, alle quali abbiamo dovuto far fronte anche con personale fortemente ridotto. Nonostante questo, ci siamo adoperati al meglio mettendo in campo strumenti e risorse di vario tipo che potessero, tempestivamente e nell’immediato, aiutare le persone in difficoltà, abbattendo le consuete lungaggini   imposte dalla macchina burocratica”.

Tra le cose care alla Mariani, quindi, il Punto d’ascolto al fine di dare supporto alle persone poste a rischio anche dalla forzata solitudine.

“Il lockdown al quale siamo stati tutti necessariamente costretti nel 2020 – afferma l’assessore – ha creato in alcuni, soprattutto negli anziani, serie difficoltà, legate sia alla gestione delle cose pratiche che all’aspetto emotivo.

Molti di loro si sono, infatti, rivolti al nostro centro, che si avvale della professionalità di personale specializzato, anche volontario, perché affranti dalla paura o dal senso di solitudine profondo.  Il compito del nostro sportello, è quindi anche quello di garantire, attraverso personale altamente qualificato, conforto e supporto a tutti coloro che, lontani dai propri cari, si sentono sopraffatti dalla sensazione di non farcela, perché soli”.

Nell’interesse della Mariani (da qualche tempo nonna di due splendidi bambini,  Leonardo e Filippo per i quali  non trattiene l’emozione), militante in politica da oltre dieci anni, impegnata nel sociale ed alla guida dell’assessorato soltanto da pochi mesi, tutte le categorie più fragili, per le quali anticipa progetti e interventi mirati.

“In questi tre mesi –  racconta –  grazie alla collaborazione di tutto il personale che ringrazio per il sostegno, la competenza e l’amicizia, unitamente a volontari che mai mi hanno fatto mancare il loro aiuto e la loro professionalità e disponibilità,  sono riuscita a gettare le basi per realizzare progetti che diano risposte maggiori ai cittadini. Ma poiché al momento è ancora tutto in embrione preferisco non anticipare, anche per scaramanzia.

A tutti, comunque, i miei più sinceri ringraziamenti”.

Impegnata quotidianamente a svolgere il lavoro di avvocato e di assessore, al pari portavoce della gente e della politica, per lei un unico desiderio: lasciare alla gente un buon ricordo di sé e qualcosa di concreto per il miglioramento della qualità della vita dei suoi concittadini

 

Print Friendly, PDF & Email