CALCIO A CINQUE SERIE C1 PAZZESCA: 8 SQUADRE IN 2 PUNTI!

Stefano Sette: "Se continua così, una vittoria in più o in meno rischia di determinare l'esito dell'intera stagione!"

0
121

Tra l’Albano che è quarta in zona Playoff e il Città di Zagarolo, in zona Playout, ci sono due punti di differenza! In mezzo, otto delle quattordici squadre che compongono il Girone A. Parlare di equilibrio fa quasi sorridere. Arrivati in prossimità del giro di boa (sabato si conclude il 2022 del futsal di Serie C1, per dare spazio alle Final Four di Coppa Italia), più di metà delle formazioni in gioco non sanno se gioire per essere ancora in corsa per la promozione in Serie B, o disperarsi per essere impelagati nella lotta per non retrocedere. Considerare se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto non è mai stato così difficile come in questa pazza stagione 2022/2023. L’Albano di Stefano Sette riflette. Il calendario regalava alla squadra castellana un ottimo finale di girone, con le ultime tre in classifica nelle quattro giornate conclusive della prima tornata. Andata in porto la gara casalinga con l’Unipomezia, i rossoblu hanno impattato al 3Z, perdendo, con il GAP del maestro Alessandro Pomposelli e del maturo Bomber Emiliano Bizzarri, la partita e l’occasione per mettere qualche punto di distanza dalle inseguitrici. Ora è obbligatorio vincere le ultime due. Perdere punti potrebbe mettere in una situazione da sudori freddi, mentre il bottino pieno potrebbe rilanciare con decisione le ambizioni del club di Sette e puntare su un girone di ritorno con un calendario non eccessivamente ostico. Ma sarà un girone di ritorno tutto da scoprire e da giocare, con giocatori di nome e di livello che hanno sperato fino alla fine di trovare un posto nel nazionale e che, invece, alla riapertura ormai prossima dei trasferimenti, cercheranno l’occasione per accasarsi in un club della massima serie regionale, priva di vincoli di tesseramento. Già qualche nome altisonante dovrebbe approdare nei paraggi, mentre Stefano Sette continua a puntare sul suo gruppo storico: “Quando dicevamo che in questa stagione si poteva vincere e perdere con tutti, sembrava la solita frase ad effetto. Invece avevamo colto pienamente nel segno. La dimostrazione l’abbiamo avuta nelle ultime due trasferte. A Cisterna siamo usciti battuti per un solo gol e meritavamo, a detta di tutti, molto di più. A Via di Centocelle, contro il GAP, abbiamo perso contro una squadra ampiamente alla nostra portata. In questo campionato una vittoria o una sconfitta faranno la differenza nella classifica finale. Per questo dovremo lavorare soprattutto sulla testa dei nostri giocatori. Un calo di concentrazione, un cartellino in più, una scarsa attenzione all’allenamento, potranno determinare l’esito finale della stagione. Adesso, però, testa agli ultimi due appuntamenti del girone di andata. Ci servono due vittorie che potrebbero darci una grossa spinta per la seconda parte della stagione.”