C’è spazio per lo spazio

Apre su Meta Magazine uno spazio originale dedicato alla geopolitica dello spazio curato da Alessandro Bonifazi

0
137
spazio

Amici dell’Est, non lontani anni luce, neppur vicini tuttavia: vi scrivo per parlarvi di spazio. No, non un’estensione compresa tra due o più punti di riferimento come indicherebbe la Treccani. Bensì lo spazio cosmico, quel vuoto che, secondo Barry Dainton, esiste fra i corpi celesti.

È buffo e al tempo stesso stimolante che lo faccia io, che vengo dal Litorale Nord di Roma. Perché, vi state chiedendo? Perché non è a Civitavecchia, Tolfa o Manziana che ha sede l’ESRIN (European Space Research INstitute), vale a dire l’Istituto Europeo per la Ricerca Spaziale; e non è né a Cerveteri tantomeno a Bracciano la Capitale Europea dello Spazio 2021.

Difatti, mentre il primo è ubicato a Frascati, la seconda ha ottenuto residenza temporanea a Colleferro. Entrambe rappresentano un motivo di orgoglio sia per la nostra Regione che per il nostro Paese.

Sì, l’Italia è all’avanguardia nel settore spazio, ma sembra che non tutti ne siano a conoscenza. Questo è un vero peccato, perché si tratta di qualcosa che tocca tutti da vicino, nei meandri della nostra quotidianità: avete notato come il simbolo della connessione Wi-Fi ricordi il segnale emesso da un satellite? Sapete che senza la tecnologia spaziale non potreste fare più uso del navigatore nei vostri viaggi?

La verità è che queste comodità evolutive rischiano di venir date per scontate, anzi già lo sono in larga parte. Corriamo il rischio di trasformarci in una popolazione “viziata” e questo alla lunga risulterà deleterio.

Niente paura, tratteremo questi temi in futuro su queste pagine, ritagliando per voi un piccolo spazio per lo spazio…con meno matematica possibile. Promesso!

Print Friendly, PDF & Email