“Un progetto ERASMUS+ dedicato alla mobilità lavorativa trasnazionale delle persone con disabilità intellettiva

Il progetto “PR.E.S.T.O. – PRomoting pEople with diSability Transnational mObility”, rientra nel Programma KA2 partenariati strategici cofinanziato dal Programma Europeo Erasmus+ .

Il suo scopo principale è di promuovere l’inclusione sociale e facilitare la transizione nel mercato del lavoro di persone con disabilità intellettiva grazie al loro coinvolgimento nelle mobilità trasnazionali.

In questo contesto il progetto promuoverà il coinvolgimento delle persone con disabilità intellettiva in esperienze lavorative di mobilità internazionale stimolando l’attenzione tra i manager VET (Vocational Educational Training, che tradotto in Italiano rappresenta la nostra Formazione Professionale), operatori, ONG e famiglie, definendo un set di standard e strumenti e aggiornando le competenze del personale di chi eroga percorsi VET.

Il target group principale è rappresentato da  professionisti dei centri di formazione professionale e da manager, tutor e direttori delle PMI.

Per raggiungere tali risultati il progetto prevede la progettazione e lo sviluppo di un corso di formazione per operatori VET e una campagna di sensibilizzazione per la promozione di esperienze lavorative all’estero come strumento chiave per incoraggiare l’inserimento nel mondo del lavoro.

Nel fare ciò, il progetto PR.E.S.T.O. si prefigge di dare un rilevante contributo nell’aumentare il numero e la qualità delle opportunità per le persone con disabilità intellettiva di intraprendere esperienze lavorative all’estero, superare la radicata resistenza di manager VET  e progettisti e diffondere ampiamente la conoscenza su strumenti utili per la corretta pianificazione e organizzazione della mobilità di persone con disabilità intellettiva.

Il Meeting di avvio di PRESTO – “Promoting pEople with disability Transnational ” – mObility si è tenuto il 15 Dicembre 2020 e ha riunito 7 partners : Consorzio Ro.Ma.(Italia) ; Associazione Italiana Persone Down (Italia); International Consulting & Mobility Agency (Spagna); Stowarzyszenie na Rzrcz Rozwoju Spolecznosci Wiejskiej Gminy Przygodzice (Polonia); Cap Ulysse (Francia); European Education & Learning Institute (Grecia); EfVET (Belgio).

 

Il secondo meeting tenutosi online il 15 Marzo 2021 alla presenza di tutti i rappresentanti del partnenariato ha visto il Consorzio Ro.Ma., coordinatore del progetto, introdurre l’argomento principale del meeting, e cioè il sondaggio progettato per  identificare i motivi e/o gli ostacoli che portano le organizzazioni VET a sotto rappresentare i discenti con lievi disabilità intellettive nei programmi di mobilità, puntando l’attenzione sia sui fattori interni che su quelli interni.

Gli obiettivi principali di questo primo passo del progetto:

  • definire un set di standards e strumenti per l’ideazione di progetti di mobilità trasnazionale accessibile a persone con DI;
  • aggiornare le competenze di progettisti VET per ciò che riguarda la progettazione di esperienze di mobilità trasnazionale di persone con DI;
  • testare le nuove competenze e capacità dei progettisti VET, e anche valutare la validità del corso di formazione di PR.E.S.T.O.

Attualmente, dunque, si sta procedendo alla raccolta dei dati  emersi dal sondaggio,  cui si è fatto cenno sopra, e si sta  si cominciando a ragionare sulla data del prossimo incontro per un confronto su quanto emerso nei vari paesi al fine, poi, di  costruire un percorso formativo per i manager e i progettisti che funga da guida per incentivare la mobilità lavorativa trasnazionale anche per le persone con disabilità intellettiva.

INFO : www.consorzioroma.it  europa@consorzioroma.it

“. Lo dichiara il Consorzio Ro.Ma.

Print Friendly, PDF & Email