Coronavirus, 2 nuovi casi a Velletri

Diventano 9 i casi veliterni di Coronavirus: il dato è aggiornato a mercoledì 18 marzo. Ne da notizia il Sindaco di Velletri Orlando Pocci

0
851
pocci
Pocci

Diamo spazio al Diario del Sindaco di Velletri Orlando Pocci con l’aggiornamento di giovedì 19 marzo: 2 nuovi casi nella giornata di ieri, mercoledì 18 marzo, che portano a 9 i contagiati complessivi della città più grande dei Castelli Romani

“Giovedì 19 marzo 2020

Giornata impegnativa quella trascorsa ieri, la macchina amministrativa sta cercando di dare le risposte che i cittadini chiedono nella complessità dovuta alle restrizioni per contrastare l’emergenza Coronavirus. La notizia della sospensione del “punto nascita” dell’ospedale di Velletri, temporaneamente trasferito all’Ospedale dei Castelli, ha destato ragionevole preoccupazione.

Nel pomeriggio ho preteso dall’ASL Roma 6 una lettera d’impegno che puoi leggere qui, nella quale i vertici dell’azienda sanitaria hanno confermato che si tratta di un provvedimento eccezionale e che al termine dell’emergenza tutto sarà ristabilito.

Combatto quotidianamente per la difesa dell’ospedale ma credo che in questo momento così difficile sia necessaria la collaborazione tra le istituzioni.

Anche ieri i numeri che sono arrivati alla Protezione Civile Nazionale sono sconfortanti, l’aumento dei morti lascia basiti, confido che le misure e l’impegno di tutti porteranno un rapido ed efficace miglioramento, soprattutto per le martoriate aree del Nord del Paese.

Nel Lazio i nuovi casi sono stati 117, di questi 17 interessano la nostra ASL Roma 6 e 2 sono cittadini di Velletri portando a 9 il numero totale dei nostri concittadini contagiati ai quali va il mio augurio di pronta guarigione.

Oggi è la Festa del Papà, a loro dedico il mio virtuale abbraccio, penso al mio di papà e ai quei consigli dal sapore antico che oggi sono di grande utilità.

Purtroppo, questa notte è scomparsa improvvisamente Orietta Trivelloni, fondatrice e conduttrice di Radio Delta Velletri donna istrionica e solare di spiccata intelligenza. Esprimo, a nome di tutta la Città, le condoglianze al fratello Tonino e a tutta la famiglia.

Come avrete visto, ho fatto un video (che puoi rivedere qui) per fare una sintesi del nostro lavoro, utilizzerò anche questo mezzo con una certa frequenza per tenervi informati e per raggiungere quante più persone possibile.

Provo a concludere in leggerezza “autorizzando”, fin da ora, tutti i nostri maestri pasticceri a fare i bignè di San Giuseppe nella prima data utile rimandando solo di qualche tempo la degustazione dello straordinario dolce che oggi avrebbe fatto bella mostra di sé sulle nostre tavole”. Lo scrive Orlando Pocci, Sindaco di Velletri.