Coronavirus, bollettino delle Asl della Regione Lazio del 23 Giugno

Il bollettino giornaliero dalla Regione Lazio con tutte le info sulle Aziende Sanitarie Locali e le Aziende Ospedaliere della nostra Regione

0
580
intesa_regione_sanimpresa
Intesa tra Regione Lazio e la Cassa di assistenza sanitaria integrativa SANIMPRESA per l’esecuzione dei test sierologici ai propri iscritti.

“#CORONAVIRUS: D’AMATO, ‘MARTEDI’ 23 GIUGNO REGISTRIAMO 8 CASI E 2 DECESSI, CONTINUA TREND ZERO CASI NELLE PROVINCE, 3 DEI CASI ODIERNI SONO RIFERITI A CODA DEL FOCOLAIO DEL SAN RAFFAELE PISANA IN CLUSTER FAMIGLIARE, LANCIO UN APPELLO AFFINCHE’ VENGANO SEMPRE RISPETTATE LE MISURE DI PREVENZIONE PER EVITARE LA RIPRESA DEI CONTAGI’

SAN RAFFAELE PISANA: 3 CASI ODIERNI SONO CODA FOCOLAIO IN CLUSTER FAMIGLIARE DI UN INFERMIERE POSTO IN ISOLAMENTO DOMICILIARE;

ISTITUTO TERESIANUM: UN NUOVO CASO ODIERNO E’ STATO POSTO IN ISOLAMENTO DOMICLIARE;

PIAZZA PECILE (GARBATELLA): EFFETTUATI SECONI TAMPONI AI PRESENTI NELLO STABILE: SONO TUTTI NEGATIVI, IL CLUSTER E’ CHIUSO;

CONTINUA A CALARE IL NUMERO DELLE TERAPIE INTENSIVE OCCUPATE CHE SONO 16 COMPLESSIVAMENTE, -7 RISPETTO A IERI, LUNEDI’ 22 GIUGNO;

Martedì 23 giugno registriamo un dato di 8 casi positivi e due decessi. Si conferma trend in calo nelle province che registrano zero casi. Voglio lanciare un appello affinché vengano sempre rispettate le misure di prevenzione per evitare la ripresa dei contagi. Continua a calare il numero delle terapie intensive occupate che sono 16 in totale: -7 rispetto a ieri. Tre dei casi odierni sono riferiti ad una coda del focolaio del San Raffaele Pisana in un cluster famigliare, al di fuori dunque della struttura, che ha riguardato un infermiere posto in isolamento domiciliare. Ad oggi effettuati oltre 5 mila test per il controllo del focolaio del San Raffaele che raggiunge un dato complessivo di 122 casi positivi. Sono stati effettuati i secondi tamponi presso lo stabile di piazza Pecile (Garbatella) sono tutti negativi il cluster è chiuso. Un caso odierno è riferito all’Istituto religioso Teresianum a Roma ed è stato posto in sorveglianza sanitaria.

Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine. Crescono i guariti che nelle ultime 24h sono stati 65 raggiungendo un totale complessivo di 6.315″.Lo comunicano la Regione Lazio e Salute Lazio martedì 23 giugno.

Print Friendly, PDF & Email