Francesca De Vito “Per la maggioranza a traino Pd non tutti i pazienti sono degni di assistenza, intervenga il ministro”

"La maggioranza PD/5telle in Regione Lazio, ha scritto un’altra brutta pagina dell’attuale consiliatura, relegando di fatto alcuni cittadini ad una condizione di serie B. Mi riferisco alla richiesta di intervenire presso il Ministero della Salute al fine di inserire la maculopatia nei LEA, i livelli essenziali di assistenza.Una istanza che è stata rifiutata attraverso la bocciatura di un ordine del giorno a mia firma”

0
86
de_vito
Francesca De Vito

LAZIO: F.DE VITO (MISTO) “PER LA MAGGIORANZA A TRAINO PD NON TUTTI I PAZIENTI SONO DEGNI DI ASSISTENZA, INTERVENGA IL MINISTERO”

“La maggioranza PD/5telle in Regione Lazio, ha scritto un’altra brutta pagina dell’attuale consiliatura, relegando di fatto alcuni cittadini ad una condizione di serie B. Mi riferisco alla richiesta di intervenire presso il Ministero della Salute al fine di inserire la maculopatia nei LEA, i livelli essenziali di assistenza.Una istanza che è stata rifiutata attraverso la bocciatura di un ordine del giorno a mia firma”

“Non si trattava di un atto a carattere politico e non prevedeva impegni finanziari, soltanto una richiesta di confronto con il Ministero per dare una soluzione a chi è affetto da questa patologia degenerativa che comporta cure dolorose e dispendiose in termini economici, senza le quali il decorso porta inevitabilmente alla cecità. Un diritto alla salute che viene negato da chi storicamente si è sempre professato al fianco dei più deboli e dei più fragili”

“La delusione maggiore infatti mi arriva dal comportamento di alcuni ex compagni di viaggio, coloro che da sempre hanno sostenuto che nessuno debba rimanere indietro, che erano dalla parte degli ultimi e soprattutto che sostenevano la bontà di una idea a prescindere da chi avesse origine. Il movimento di oggi, all’interno della Regione Lazio, ha detto no al riconoscimento della maculopatia all’interno dei livelli essenziali di assistenza, esprimendo un voto contrario solo alla mia persona e non a quanto chiedevo”

“Io però non mi fermo e farò tutto il possibile affinché il Ministero possa permettere le cure necessarie per evitare di giungere alla cecità per tutti coloro che non hanno le risorse economiche sufficienti ad affrontare l’intero percorso terapeutico”

Print Friendly, PDF & Email