Ginnastica Res Novae, ragazze in gara a Civitavecchia

Le rappresentanti della Ginnastica Res Novae Velletri Boccia, Feudo e Mattoccia al Campionato di Serie C Femminile di Civitavecchia

0
749
C2_gaf_feduo_mattocia_boccia
Feduo, Mattoccia e Boccia della Ginnastica Res Novae Velletri

Sabato 11 Novembre si é svolta, presso il Palazzetto dello Sport di Civitavecchia, la prova di Zona Tecnica del Campionato di Serie C Femminile, che vedeva in campo Lazio e Toscana. La Ginnastica Res Novae, dopo la Serie C Maschile, anche stavolta, unica rappresentante della città di Velletri, scendeva in campo nella Serie C2 con una squadra, composta dalle ginnaste Veliterne Flavia Boccia(Anno 2008), Sofia Feudo (2007) e Federica Mattoccia(2006), accompagnate dal tecnico federale Baggetta. Una gara che prevede un ottimo livello, dopo solo il Campionato di Serie C1.  Flavia, reduce dalla varicella, continua a dimostrare il suo carattere forte e determinato e ci sorprendeva così alle Parallele, al volteggio e al Corpo libero, con esercizi rinnovati in difficoltà ed esecutivamente più precisi ed incappando in un errore importante alla Trave, esprimendo però innata eleganza, in perfetto stile Res Novae. Sofia nonostante un periodo difficile, riesce ad eseguire un buon Corpo Libero, sporcava invece la sua parallele e la trave, dove l’obiettivo è innalzare le note di partenza. Federica invece, consapevole dei propri mezzi, porta a termine una buona gara, con notevoli picchi al Corpo Libero, bene alle Parallele, commettendo una caduta alla trave, non riuscendo a dimostrare il suo valore anche a questo attrezzo. In generale – si conclude così la cronaca delle gare dello scorso weekend ad Ginnastica Res Novae Velletri -, le ginnaste veliterne dimostravano buoni miglioramenti, specialmente in termini tecnici.  Non ci resta quindi, che tornare in palestra a far quel che ci piace di più, lavorare sodo e fare loro i complimenti per l’impegno quotidiano che mettono, per raggiungere i loro sogni, perché come abbiamo, in questi quattro anni dimostrato: “Il lavoro paga sempre”.