Il Karate Frascati sbanca Riccione, vinti i campionati italiani

0
1413
karate frascati sbanca riccione
Karate Frascati sbanca Riccione

 

karate frascati sbanca riccione
Karate Frascati sbanca Riccione

E Riccione (ancora una volta) si tinse dei colori del Karate Frascati. E’ stata una vera e propria pioggia di medaglie e titoli quella piovuta sugli atleti della società tuscolana, di scena nei giorni scorsi nei campionati italiani preagonisti (5-13 anni) individuali e a squadre e nelle gare agonisti a squadre. Il sodalizio tuscolano del maestro Salvatore Canto alla fine della due giorni di combattimenti si è piazzato al primo posto assoluto con 8 ori, 9 argenti e ben 16 medaglie di bronzo. Lunghissima la lista delle vittorie tra i preagonisti. Campioni italiani si sono dunque laureati Alexander Fyall e Leonardo Muro nel kata: nel combattimento primo posto ancora per i due giovanissimi atleti tuscolani ma anche per Aaliyah Palestrini, Gaia Spalletta, Davide Spiridigliozzi e Flaviana Gatta. Nove, come detto, le medaglie d’argento finite al collo di Pierluigi Fondi e Alessandro Piciano ma anche della squadra formata da Alessandro Alemanno, Kevin Persichilli e Jacopo Farina nel kata. Secondo posto nel combattimento (kumite) per Alessandro Scalia, Alessandro Alemanno, Sonia Gisella Simeoni, Chiara Amata, Pietro Mancini e Fabiana Lagana. A completare la messe di medaglie i tanti terzi posti: Alessandro Scalia, Sonia Gisella Simeoni, Gaia Spalletta, Federico Vanicelli e Fabiana Lagana nel kata, Leonardo Amicizia, Elisa Amata Julius Diaz, Michela Perai, Jacopo Farina, Kevin Persichilli, Cristian Palestrini, Leonardo Romei, Giulia Bernardini, Melissa Vagnoni e la squadra nel kumite. Negli agonisti oro per la squadra di kumite formata da Giorgia Ferramisco e da altre due atlete del Mushim: argenti al collo di Giulia Maccaroni, Marta Scudellari e Desirè e Saltarelli sempre nel kumite. Secondo posto anche per la squadra kumite maschile, con Emiliano Mirabella. Un bottino sontuoso per una spedizione numerosa: il Karate Frascati si conferma sul tetto d’Italia. “Sapevamo di essere forti e sapevamo che in una gara come questa saremmo stati in grado di schierare molti atleti: i risultati non hanno deluso le nostre aspettative” – dice proprio il maestro Canto.

Print Friendly, PDF & Email