L’inceneritore di Gualtieri viola i principi fondamentali della Costituzione

Sono le parole della Vice Segretaria del Circolo di Fratelli d'Italia di Albano Laziale Ombretta Renzi

0
464

“Molte volte ho sentito dire ai rappresentanti del Partito Democratico che la nostra Costituzione va difesa. Sebbene sia un principio più che condivisibile, andrebbero aggiunti altri due concetti troppo spesso dimenticati: la Costituzione va anche capita e applicata nel suo significato più ampio. Prendiamo, per esempio l’articolo 9: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali”.

“Ora, cerchiamo di inquadrare l’inceneritore di Gualtieri con l’occhio del nostro articolo 9, in particolare, focalizziamo la nostra attenzione sul secondo comma. Non vi è dubbio alcuno che il nostro Paese sia il primo al mondo per patrimonio culturale, storico e architettonico che, naturalmente, abbiamo il dovere di tutelare e valorizzare, in quanto parte fondamentale della nostra economia e della nostra cultura. È l’eredità di cui noi oggi godiamo, ci fa ricordare chi siamo, è la nostra espressione di bellezza, di ispirazione, di lavoro e di vita. Sono questi i motivi per i quali la nostra Costituzione ci invita alla tutela di questo inestimabile patrimonio. Gualtieri e il Partito Democratico, si rendono conto di quanto l’inceneritore di Santa Palomba sia in palese contrasto con il secondo comma dell’articolo 9 della nostra Costituzione? Invece di distruggere un territorio così ricco come lo è quello dei Castelli Romani, bisognerebbe avere maggiore sensibilità verso l’ambiente e l’arte, poiché rappresentano elementi fondamentali per il turismo e quindi per il lavoro.

I Castelli Romani potrebbero dare lavoro a migliaia di persone su tutto il loro territorio, perché quando si parla di paesaggio e patrimonio culturale, non si intende solo un particolare ambiente caratterizzato da una eccezionale bellezza, ma di possibilità di lavoro nell’ambito della formazione, dell’architettura, della comunicazione, della ristorazione, del commercio, dei servizi e quant’altro. Gualtieri e il Partito Democratico devono ricordare che la nostra Costituzione ha priorità su qualsiasi altro provvedimento, anche su una legge che assegna ad un sindaco i poteri straordinari di Commissario straordinario per il Giubileo. Gualtieri faccia il suo dovere da commissario, ma nei limiti e nel perimetro del dettame costituzionale: l’inceneritore alle porte di un territorio ricco di cultura e caratterizzato da un paesaggio unico come lo è quello dei Castelli Romani, rappresenta uno schiaffo ai principi dettati da quella Carta Costituzionale che avete sempre sbandierato di difendere”. Così in una nota la Vice Segretaria del Circolo di Fratelli d’Italia di Albano Laziale, Ombretta Renzi.