La Casa delle Donne ‘Lucha y Siesta’ è salva, le reazioni

Carrellata di dichiarazioni sul salvataggio della Casa delle Donne ‘Lucha y Siesta’ di Roma

0
139
stop_violenza_donne
Stop violenza sulle donne

Carrellata di dichiarazioni sul salvataggio della Casa delle Donne ‘Lucha y Siesta’ di Roma

DONNE. BONAFONI (CIVICA ZINGARETTI): ‘LUCHA Y SIESTA’ È SALVA, VITTORIA STORICA

“Che ci siamo e ci saremmo state lo avevamo annunciato e ribadito più volte nel corso degli ultimi due anni e mezzo. Eppure oggi è una giornata storica per le cittadine di Roma, ma anche per le donne e gli uomini del Lazio e del nostro Paese. La Casa delle Donne ‘Lucha y Siesta’ è salva: alla terza asta la Regione Lazio si aggiudica l’immobile di via Lucio Sestio 10 a Roma, finito nel concordato preventivo di Atac, e permette così a un’esperienza unica in Europa, nata dall’impegno sul territorio di un nutrito gruppo di attiviste femministe e transfemministe, di vivere e continuare a dare ricchezza e luce alla città. Un’operazione inedita, figlia della buona politica e di un rapporto virtuoso tra istituzione e attiviste, grazie al quale è salvo quel patrimonio di sogni, relazioni e opportunità per donne e bambini in uscita dalla violenza tessuti dalle attiviste di ‘Lucha’ in 13 anni di lotte, sacrifici e un’incredibile capacità di resistenza che le ha portate fin qui, a festeggiare insieme a noi questa vittoria. Un traguardo tanto prezioso quanto sudato, se si osserva il percorso affrontato e si mettono a fuoco i pericoli scampati. Dalle continue minacce di sgombero e distacco delle utenze, alla totale mancanza di visione della giunta capitolina guidata da Virginia Raggi – che ci ha costretto a giocare una partita bendate sui destini di donne e bambini in stato di protezione – fino ai paventati tentativi di speculazione immobiliare, che hanno creato un clima di tensione e paura, anche negli ultimi istanti di questa incredibile vicenda. Siamo state più forti noi che, consapevoli di quanto lunga e accidentata sarebbe stata la strada, abbiamo creduto di potercela fare. Dapprima, con una mozione approvata in Consiglio, che nel marzo del 2019 impegnava la Regione ad aprire un tavolo col Comune di Roma per evitare la chiusura e la vendita dell’immobile; poi, pochi mesi dopo, con i 2,4 milioni di euro stanziati per salvare ‘Lucha’ grazie a un emendamento a mia prima firma, siglato da dieci tra consigliere e consiglieri di maggioranza ai quali dico grazie dal primo all’ultimo. Due atti che, assieme alla legge sui beni comuni e alla norma sulla valorizzazione dei luoghi delle donne, confermano ancora una volta quanto la Regione Lazio si spenda attivamente contro la violenza di genere, per le donne, i diritti e per una nuova idea di governo partecipato dei territori. Voglio per questo ringraziare innanzitutto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e tutta l’enorme squadra che ha condotto il percorso fino a questa felice tappa finale: Cecilia D’Elia; l’assessora alle Pari Opportunità, Enrica Onorati, e le sue predecessore, Giovanna Pugliese e Lorenza Bonaccorsi con la relativa direzione; e, infine, gli assessori e la direzione Bilancio, Governo Societario, Demanio e Patrimonio della Regione Lazio, senza il cui competente apporto tecnico questa delicatissima operazione contabile, oltre che politica, non sarebbe stata possibile. Dopo aver vinto la partita più rischiosa, però, ora dobbiamo giocare quella più generativa di futuro: supportare le attiviste nell’immaginare la ‘Lucha y Siesta 2.0’. Sarà, nel nostro auspicio, un laboratorio di sperimentazione dell’autogoverno, dove il pubblico incontrerà l’associazionismo e la comunità per costruire un nuovo modello di fare città e società, contro lo svuotamento di senso perseguito da un’amministrazione comunale cieca che in tutti questi anni ha remato contro e che oggi, a fine mandato, si trova nuda di fronte alle proprie responsabilità. Noi ci siamo state, ci siamo e ci saremo, nella Roma ‘città femminista’ che vogliamo continuare a costruire”. Così in una nota la capogruppo della Lista Civica Zingaretti al Consiglio regionale del Lazio Marta Bonafoni.

LAZIO. CORROTTI (LEGA): “SU LUCHA Y SIESTA CI RIVOLGEREMO A CORTE CONTI”

“Apprendo con stupore l’acquisto, tramite asta, da parte della Regione Lazio dell’immobile di via Lucio Sestio 10 per poi regalarlo ad un’associazione di militanti dello stesso partito del presidente della Regione, che continuano ad occupare illegalmente gli stabili della Capitale. Per questo, ci rivolgeremo alla Corte dei Conti al fine di capire se può ritenersi normale un’azione di questo genere, con l’aggravante delle solite tempistiche da campagna elettorale utili a racimolare qualche voto. Qui il tema non è quello di accogliere ragazze vittime di violenza in una struttura, cosa che da donna ovviamente considero meritorio e apprezzabile, ma assegnare immobili a propria discrezionalità anziché passare da bando pubblico.” Così in una nota Laura Corrotti, consigliere Lega Regione Lazio

LUCHA Y SIESTA: ZINGARETTI, “ABBIAMO SALVATO UN PATRIMONIO”

“Abbiamo salvato Lucha y Siesta, una grande esperienza di protagonismo delle donne e lotta alla violenza di genere. Un patrimonio di tutta Roma e della nostra comunità.

Lo abbiamo fatto perché è ipocrita riempirsi la bocca della parola diritti e solidarietà e poi assistere senza fare nulla alla chiusura dei servizi.

È lo stesso spirito che ci ha portato, qualche anno fa, a salvare tutti i centri antiviolenza di Roma e provincia che rischiavano di chiudere. E poi a garantire alle donne spazi per organizzare attività culturali, di promozione delle pari opportunità, di contrasto agli stereotipi e alla violenza, con il bando sui luoghi delle donne che ha aiutato Lucha y Siesta, la Casa Internazionale delle Donne e altre preziose realtà nei quartieri.

Ora la Regione resterà al vostro fianco, la vostra storia è un bene comune: i vostri valori sono anche i nostri. Grazie per il coraggio e l’impegno di ogni giorno”.

Così su Facebook il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

ROMA, DONNE. MATTIA (PD): LUCHA Y SIESTA E’ SALVA GRAZIE IMPEGNO REGIONE, PATRIMONIO DELLA CITTA’ E DELLE DONNE
“La notizia dell’aggiudicazione dell’asta dell’immobile in cui da oltre 11 anni vive l’esperienza Lucha y Siesta è motivo di orgoglio, una vittoria storica per la città di Roma, ma soprattutto per tutte le donne che hanno attraversato e attraverseranno Lucha. Ora restituita alla città, alle operatrici, alle centinaia di persone che la vivono e trovano in lei un punto di riferimento imprescindibile”
“Il percorso iniziato due anni fa con l’emendamento al bilancio regionale al fianco di tante colleghe e colleghi è stato tortuoso e complesso, ricco di paure e di speranza. Oggi possiamo dire di aver vinto tutte e tutti, insieme, in una battaglia davvero corale e orientata al bene comune. La casa delle donne Lucha y Siesta sarà finalmente libera dal ricatto e potrà continuare il suo ricco e trasversale lavoro, non solo di contrasto alla violenza di genere, ma di costruzione di spazi e percorsi di autonomia, autodeterminazione e libertà donando a Roma e al quadrante un luogo ricco di cultura, di passione, di vita. Ringrazio il Presidente Nicola Zingaretti, l’ex Assessora Giovanna Pugliese, le colleghe e i colleghi che hanno firmato l’emendamento al bilancio che ha permesso tutto questo”
Così in una nota Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione Pari Opportunità del Consiglio Regionale del Lazio

CASA DONNE, RIGHINI FDI “ZINGARETTI FINANZIA ATTIVISTI SINISTRA CON CASSA REGIONE”

“Con l’acquisto dell’immobile per la Casa delle Donne senza passare attraverso un bando pubblico, la Regione Lazio mette in atto l’ennesima operazione di marketing elettorale rafforzando un presidio di estrema sinistra con soldi delle Casse regionali. Ancora una volta Zingaretti dimostra di non volere essere il Governatore di tutti i cittadini, ma uomo di fazione  che  utilizza i poteri conferitigli per favorire la propria parte politica, approfittando di periodi di crisi come l’attuale, con il fermo degli uffici dovuto al default del sistema informatico dell’Ente. Come opportunamente rilevato dal consigliere Colosimo, contestiamo la mancanza di trasparenza di questo acquisto all’asta con fondi pubblici che caso mai dovevano essere devoluti alle Asl, istituzioni deputate alle politiche sociali assistenziali”. Così in un comunicato Giancarlo Righini consigliere regionale del Lazio di Fdi.

Roma, Maritato(Lega): “Su Lucha y Siesta regalino elettorale a Gualtieri?”

“Apprendiamo con indignazione e contrarietà che nelle scorse ore la Regione Lazio avrebbe acquistato – tramite asta – lo stabile di via Lucio Sestio, a Roma, per poi darlo ad una associazione vicina al partito (il Pd) del governatore Nicola Zingaretti: associazione che – va sottolineato – in maniera meritoria e assolutamente positiva si occupa di sostenere donne vittime di violenza. Ma questo non è il punto. Pur apprezzando tutto questo, tuttavia, non possiamo accettare che la procedura di assegnazione sarebbe avvenuta senza alcun bando pubblico. Perché? Su quali basi amministrative? Non vorremmo piuttosto che si trattasse di semplice e puro spot elettorale e a beneficiarne mediaticamente sarebbe il solito candidato sindaco del Partito Democratico, Roberto Gualtieri…” Così, in una nota, il candidato della Lega al consigliere comunale di Roma, Michel Emi Maritato, in tandem con Simonetta Matone.

Print Friendly, PDF & Email