Lega calcio a 8, dove sono le misure anticovid?

Le riflessioni verso il nuovo DPCM da parte della Lega Calcio a 8 che esprime tutte le sue preoccupazioni sulle misure anticovid

0
391
calcio_a _8
Calcio a 8

La pandemia sembra non dare pace al mondo e l’Italia si prepara ad affrontare una seconda importante ondata di contagi.

È atteso nei prossimi giorni un nuovo DPCM che comunichi ai cittadini il giusto comportamento da seguire e le precauzioni da prendere per evitare l’espansione del virus.

La Lega Calcio a 8 continua a rasserenare tutti, ma i fatti dicono il contrario: durante la sfida tra Fraschetta del pesce express e Totti Sporting Club abbiamo assistito all’ennesimo assembramento a bordocampo ed all’esterno del campo da gioco.

Tre fotografi all’interno del rettangolo da gioco, panchine senza distanziamenti e membri dello staff senza mascherine, per non parlare dei tanti tifosi che, come le foto testimoniano, circolano liberamente al di fuori del campo senza rispettare distanze e senza indossare alcuna mascherina.

Peraltro a maggior ragione di malafede le telecamere non inquadrano mai gli avventori che occupano la zona alle spalle delle telecamere stesse, ma come le foto testimoniano tali violazioni non sono sfuggite agli occhi ed alle fotocamere dei giornalisti presenti che hanno immortalato le suddette irregolarità.

Il calcio professionistico o dilettantistico che sia non può avere la priorità rispetto alla tutela della salute che in un periodo storico tragico come questo dovrebbe essere salvaguardato.

La continue trasgressioni della Lega Calcio a 8 sono un’offesa e ed affronto a tutti i cittadini che si stanno perfettamente adeguando alle disposizioni date dal governo. Nella partita più importante, quella contro il Covid-19, dobbiamo scendere in campo tutti con la stessa maglia, quella dell’Italia, di un Paese che lotta per tornare presto alla normalità ed alla sicurezza.