Lorenzo Romei lascia segreteria dei Giovani Democratici di Rocca di Papa

0
1507
Partito Democratico
Partito Democratico
Partito Democratico
Partito Democratico

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera aperta con cui Lorenzo Romei annuncia le sue dimissioni da segretario dei Giovani Democratici di Rocca di Papa.

“Io sottoscritto Lorenzo Romei mi dimetto da segretario dei Giovani Democratici.

Le motivazioni che mi hanno portato a questa decisione sono politiche e culturali:

Il poco ascolto e la poca considerazione che i vertici amministrativi del partito democratico di Rocca di Papa dedicano ai propri cittadini, ai propri iscritti e militanti, prendendoli in considerazione solo quando si avvicinano le elezioni, è il motivo principale della mia decisione.

I partiti politici sono fondamentali per la democraticità di un sistema, sono i canali attraverso i quali le esigenze dei cittadini arrivano alle istituzioni, ma se questi canali non funzionano il tutto è vanificato e i cittadini diventano sudditi da utilizzare ai soli fini contributivi, devono dunque si pagare le tasse ma non possono influenzare la politica interna del paese.

Gli iscritti di un partito dovrebbero essere il fulcro centrale, il cuore della vitalità politica, al contrario un partito con base muta, dove le decisioni vengono prese dall’alto, senza la partecipazione degli stessi, manca di democrazia interna e non può, o meglio non dovrebbe, chiamarsi democratico.

Io sono stato invitato a dare le dimissioni da un assessore, il quale mi ha fatto capire che o la pensi come loro o sei fuori dal partito. Ebbene preferisco uscire da un partito monoteista che pensa di avere la verità in tasca e continuare a ragionare con la mia testa.

Tuttavia consapevole delle difficoltà amministrative concrete di tutti i giorni vi auguro buon lavoro e porgo i miei saluti.

Cosa significa fare politica? Mettersi a disposizione dei cittadini? Gestire il paese per il bene comune? O gestirlo per prendere più voti degli altri?

Cordialmente Lorenzo Romei                   Cordialmente, Lorenzo Romei