M5S pometino attacca centrodestra su discussione DDL Zan

M5S Pomezia "In consiglio comunale abbiamo portato in discussione un ODG a sostegno del DDL ZAN, disegno di legge al quale ha contribuito attivamente anche la nostra Alessandra Maiorino" 

0
175
m5s
m5s
IL CENTRODESTRA UNITO POMETINO DISERTA LA DISCUSSIONE SUL DDLZAN
In consiglio comunale abbiamo portato in discussione un ODG a sostegno del DDL ZAN, disegno di legge al quale ha contribuito attivamente anche la nostra Alessandra Maiorino
Un ODG, che oltre ad esprimere il nostro sostegno all’approvazione del disegno di legge, aveva lo scopo primario di portare la discussione in Consiglio Comunale anche per fare chiarezza rispetto a quello che è, ad oggi, un dibattito politico pesantemente inquinato da una campagna denigratoria fondata su fake news, sia da parte di esponenti politici che da rappresentanti della società civile.
Come rappresentanti delle istituzioni e portavoce dei cittadini è nostro dovere esprimere una posizione chiara nei confronti della tutela dei diritti civili e prevenire e contrastare ogni forma di  discriminazione o violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità e ribadire il supporto ad un disegno di legge che tutela la libertà di espressione dei singoli individui
Quando abbiamo presentato questo ODG mai avremmo pensato di discuterlo in un aula, seppur virtuale, in cui i cittadini hanno visto mancare la totale rappresentanza di una parte politica.
Stessa sorte anche per la mozione sul riconoscimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki presentata dal partito democratico.
Un’assenza incomprensibile quella del centro destra unito, che ha deciso di fuggire dalle proprie responsabilità, non partecipando alla discussione: un atteggiamento che ci lascia una profonda amarezza per la mancata occasione di confronto.
Le motivazioni di questa decisione? Evitare di mettersi in difficoltà dovendo affrontare un argomento scomodo per i propri partiti? Oppure incapacità di parlare di diritti civili in un dibattito pubblico?