Nanni Sporting Ariccia “Un pizzico di rammarico per il pari con l’Indomita”

Sporting Ariccia calcio, Eccellenza, l'esterno classe 1995 Alessio Nanni ammette “Un pizzico di rammarico per il pari con l’Indomita”

0
299
nanni_esulta_sporting_ariccia
Nanni braccia alte esulta Sporting Ariccia

Secondo pareggio consecutivo per lo Sporting Ariccia in Eccellenza. La formazione castellana ha esordito tra le mura amiche anche in campionato (dopo l’eliminazione di Coppa per mano del Villalba) ed è stata protagonista di una buona prestazione contro l’Indomita Pomezia, dopo aver sfoderato una grande gara la settimana prima contro l’accreditatissima Unipomezia. Nel match di ieri, i ragazzi di mister Trinca hanno sbloccato il risultato grazie ad un perfetto calcio di punizione dell’esterno classe 1995 Alessio Nanni, poi nella ripresa è arrivato il gol del definitivo 1-1 della formazione ospite: “Il pareggio ci lascia un pizzico di rammarico – commenta l’autore del gol – Eravamo riusciti ad andare in vantaggio, ma non siamo riusciti a mantenere il risultato fino alla fine. Passi indietro rispetto alla prestazione contro l’Unipomezia non ne ho visti, questa era una gara diversa e l’abbiamo interpretata bene. Nel primo tempo abbiamo espresso un buon calcio, poi nel secondo forse ci siamo abbassati un po’ e da una palla persa abbiamo incassato il gol del pareggio. Peccato, ma guardiamo avanti”. L’ex Casal Barriera parla del suo ingresso nel gruppo dello Sporting Ariccia: “Ho trovato un ambiente sereno e una squadra molto compatta, c’è un bel clima all’interno dello spogliatoio”. Nel prossimo turno la formazione ariccina è attesa da un altro match casalingo, quello contro l’Ottavia che ha iniziato la stagione con 4 punti nelle prime due partite: “Un avversario di buon valore, ma il nostro atteggiamento è sempre lo stesso a prescindere da chi abbiamo di fronte: scendiamo sempre in campo con l’idea di provare a imporre il nostro gioco e di conquistare la posta piena”. Per Nanni lo Sporting Ariccia non deve fissare obiettivi minimi: “E’ chiaro che il traguardo primario è la salvezza, ma noi pensiamo semplicemente a giocare e a fare bene. Poi vedremo dove saremo arrivati”.

Print Friendly, PDF & Email