Niente impianto biogas a Roncigliano, le reazioni

Le novità dopo giovedì 8 aprile quando il Presidente Marco Cacciatore ha convocato la Commissione sui rifiuti della Regione Lazio

0
188

“ARIA NUOVA IN REGIONE: CANCELLATO L’IMPIANTO A BIOGAS DI RONCIGLIANO. UNA GRANDE VITTORIA DEI CITTADINI, DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI

Il giorno 8 aprile 2021 il Presidente Marco Cacciatore ha convocato la Commissione sui rifiuti della Regione Lazio in cui sono stati auditi, sui problemi della discarica di Albano, Amadio Malizia e Francesca Gnani dell’Associazione Salute Ambiente, Enrico del Vescovo di Italia Nostra e Danilo Ballanti del Partito Comunista dei Castelli Romani.

L’area della discarica di Albano è in una situazione di gravissima emergenza sociale e sanitaria.

La discarica di Albano è fuorilegge perché posta a pochi metri dalle abitazioni.

Come è stato possibile rilasciare le Autorizzazioni di Impatto Ambientale (AIA) nel pieno disprezzo della normativa regionale, nazionale ed europea che prevede una distanza minima di 1.000 metri delle discariche dalle abitazioni?

Perché l’autorizzazione per il 7° invaso è stata rilasciata dalla Regione Lazio il 13 agosto 2009?

Perché il 7° invaso non è stato ancora chiuso?

Perché l’area della discarica non è stata bonificata?

La discarica di Albano è l’unica discarica al mondo a non avere il pozzo di rilevazione a valle.

Un grande problema dei cittadini e dei bambini di Villaggio Ardeatino è la mancanza della rete di distribuzione dell’acqua potabile.

Nel 2015 una famiglia di Villaggio Ardeatino ha fatto analizzare l’acqua del proprio pozzo dall’Arpalazio. Sulla base dei risultati del rapporto dell’Arpalazio, il Sindaco di Ardea in data 31 agosto 2015 ha ordinato alla famiglia di Villaggio Ardeatino, proprietaria del pozzo inquinato, “il divieto di utilizzo per il consumo umano di acqua prelevata da pozzo a servizio di privata abitazione in zona priva di rete idrica cittadina”.

In mancanza della rete di distribuzione dell’acqua potabile, l’acqua inquinata dei pozzi è utilizzata da molte famiglie che vivono intorno alla discarica.

Dall’analisi dei questionari somministrati a 141 famiglie che vivono intorno alla discarica emerge che:

Ø  la metà delle famiglie dei villaggi Ardeatino e Valle Gaia usano l’acqua dei pozzi per bere (i filtri al cloro utilizzati non riescono certo a fermare i metalli pesanti),

Ø  l’80% delle famiglie utilizzano l’acqua dei pozzi per cucinare,

Ø  il 94% delle famiglie usano l’acqua dei pozzi per uso domestico (docce e bagni)

Ø  tutte le famiglie utilizzano l’acqua dei pozzi per l’irrigazione dell’orto e dei giardini.

40 anni di esposizione alle puzze e ai miasmi della discarica di Albano hanno prodotto effetti sanitari allarmanti sulla vita di migliaia di persone che vivono intorno a quel sito:

  • probabilità di contrarre un tumore +53%
  • probabilità di contrarre un tumore ai polmoni +270%
  • mortalità +128%
  • mortalità per tumori ai polmoni +330%
  • mortalità per tumori allo stomaco, del colon, del retto e dell’ano +219%.

Considerando che l’interdittiva antimafia a carico della società Pontina Ambiente di Manlio Cerroni è stata confermata dal Consiglio di Stato e risulta ancora pendente, le associazioni hanno chiesto alla Regione Lazio di revocare (prima dell’intervento della magistratura) tutte le autorizzazioni rilasciate dagli uffici regionali alla società soggetta ad interdittiva antimafia.

Come evidenziato da numerose sentenze del Consiglio di Stato “…anche in ipotesi di attività soggette a mera autorizzazione l’esistenza di infiltrazioni mafiose inquina l’economia legale, altera il funzionamento della concorrenza e costituisce una minaccia per l’ordine e la sicurezza pubbliche”.

Nella riunione il dott. Vito Consoli – il dirigente regionale nominato in sostituzione di Flaminia Tosini, arrestata il 16 marzo 2021 su ordine della Procura di Roma – ha dichiarato che il procedimento del nuovo impianto a biogas per il trattamento di 120.000 tonnellate di umido “verrà archiviato” perché la società Colle Verde non ha presentato nei termini previsti dalla legge la documentazione aggiuntiva richiesta in data 18/2/2021 dagli uffici regionali.

Il Partito Comunista dei Castelli Romani esprime grande soddisfazione per questa vittoria dei cittadini, dei comitati e delle associazioni che si battono a difesa dell’ambiente e del territorio, per il diritto alla salute. Adesso la Regione Lazio deve procedere alla chiusura definitiva del 7° invaso e alla bonifica dell’area della discarica di Albano”. Lo dichiarano i Comunisti Castelli Romani.

LE DICHIARAZIONE DEL SINDACO, MASSIMILIANO BORELLI, SULL’IMPIANTO DI RONCIGLIANO

“Sulla vicenda del nuovo impianto di Roncigliano sono abbastanza ottimista.

In queste settimane ho parlato con gli uffici regionali che seguono la pratica. Allo stato attuale sembrerebbe che le integrazioni documentali richieste alla società non siano pervenute. Quindi, in assenza di questa documentazione, si andrebbe verso l’archiviazione della richiesta di autorizzazione.

Aspettiamo dunque l’esito ufficiale, perché la Pubblica Amministrazione funziona in questo modo, parla per “atti”. Come ha fatto l’Amministrazione Comunale, che si è espressa sempre con chiarezza sul nuovo impianto di Roncigliano, insieme a tanti cittadini e associazioni.

Non possiamo subire decisioni negative per il nostro futuro. Non vogliamo consegnare alle giovani generazioni un territorio ancor più compromesso e appena la Regione Lazio si pronuncerà in merito all’esito della richiesta, ci faremo portavoce, come abbiamo sempre fatto, di una bonifica complessiva dell’area”. Lo dichiara il sindaco di Albano Laziale Massimiliano Borelli.

Audizione in Commissione Rifiuti Lazio dell’Associazione Salute Ambiente Albano – Cancelliera

“Come annunciato, ieri 8 aprile 2021, l’Associazione Salute Ambiente Albano – Cancelliera è stata audita in Commissione Rifiuti della Regione Lazio insieme ad altri rappresentanti che hanno sostenuto finora la battaglia contro il riavvio della discarica di Albano Laziale, Roncigliano. Alla Commissione presenziata da Marco Cacciatore ha partecipato anche Vito Consoli, nuovo responsabile dell’Ufficio Rifiuti a seguito dell’arresto di Flaminia Tosini che ha illustrato la riorganizzazione delle competenze all’interno dell’Ufficio e ha ascoltato con interesse e attenzione tutto quello che è stato riferito sulla situazione della discarica, dall’iter amministrativo illegittimo perseguito, l’interdittiva antimafia, la situazione di inquinamento e dissesto geologico e idrogeologico dell’area, la presenza di centri abitati, di aggregazione, scolastici e di preghiera a meno di 1000 m dal sito, la situazione epidemiologica dell’area, l’interesse agricolo e paesaggistico che insiste sulla zona, ecc. Il dott. Consoli ha quindi preso la parola per spiegare che dovrà approfondire la questione, dal momento che è in carica da troppo poco tempo per conoscerne i dettagli e la storia, ma che la società Colle Verde, che ha affittato tempo fa dal Gruppo Cerroni parte dell’ex immondezzaio, avrebbe avuto, a partire dal 18 febbraio scorso, soli 30 giorni di tempo (un periodo inderogabile) per rispondere alle osservazioni promosse a gennaio e febbraio scorsi da associazioni, comitati, cittadini-residenti e dai due comuni di Albano e Ardea, ma ancora non l’ha fatto. Il termine perentorio fissato dalla legge è pertanto scaduto. Quindi l’intero iter burocratico di riavvio della discarica, a norma di legge, potrebbe essere archiviato.

In alternativa – è questa la seconda possibilità ventilata dal dottor Consoli, relativa in particolare alla richiesta di revoca in autotutela dell’autorizzazione di riavvio della discarica richiesta dai cittadini – si è dimostrato ‘possibilista’ anche da questo punto di vista, chiedendo però che per valutare a pieno tale possibilità sarà necessario però che l’associazione depositi in Regione una istanza con richiesta formale di revoca dell’autorizzazione con tanto di documenti allegati, cosa che l’associazione si è impegnata a fare a breve termine”. Lo dichiara l’Associazione Salute Ambiente Albano – Cancelliera.

 

Print Friendly, PDF & Email