Nuovo impianto di trattamento rifiuti a Roncigliano

Le osservazioni dell'Amministrazione Comunale di Albano Laziale guidata da Massimiliano Borelli: "No alla riapertura della discarica"

0
208
borelli
borelli

NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI A RONCIGLIANO. LE OSSERVAZIONI DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE: NO ALLA RIAPERTURA DELLA DISCARICA.

sementilli
sementilli

L’attuale Amministrazione del Comune di Albano Laziale conferma con forza la propria contrarietà alla realizzazione di un nuovo impianto di trattamento rifiuti a Roncigliano. Il progetto avanzato dalla nuova società è considerato “In contrasto con previsioni normative e indicazioni cogenti della stessa Regione Lazio e appare caratterizzato da elementi di superficialità e incompletezza”.

Dopo la chiusura della discarica e del TMB distrutto da un incendio nel 2016, sembrava che fosse stata finalmente scritta la parola fine sulle sorti del sito.

Invece una nuova società ha presentato richiesta di autorizzazione per realizzare un nuovo impianto di trattamento rifiuti, che prevede anche la trasformazione della frazione umida in biogas. La Regione Lazio ha pertanto avviato il Procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), a seguito del quale il Comune di Albano ha inviato osservazioni e controdeduzioni, che si sommano alla già nota contrarietà all’uso di quel sito più volte manifestata in tutte le sedi.

“Le osservazioni al progetto sono già partite – ha dichiarato il Sindaco Massimiliano Borelli – L’impianto che dovrebbe sorgere a soli 200 metri dalle abitazioni è in totale contrasto con le normative adottate dalla Regione. Inoltre, nel progetto manca una compiuta e dettagliata caratterizzazione geologica e idrogeologica dell’area di intervento. Non possiamo certo dimenticare che in quella zona sono sotterrate tonnellate di rifiuti e a questo proposito nulla si sa ancora su come si intenda bonificare l’area, cosa che desta notevole preoccupazione tra i cittadini. Un’ultima domanda sorge spontanea: il potenziale quantitativo di rifiuti da lavorare produrrà un residuo che bisognerà capire dove e come smaltire. E su questo la nostra posizione non cambia: no alla riapertura della discarica.

“Queste sono le prime osservazioni che abbiamo inviato alla Regione – ribadisce l’Assessore ai Rifiuti, Maurizio Sementilli – Quando avremo visione di un progetto dettagliato faremo ulteriori rilievi in sede di Conferenza dei Servizi”.

Print Friendly, PDF & Email