Volsca, Carlo Spinelli chiede spiegazioni

Il candidato presidente Regione Lazio IDD Spinelli:” Volsca ambiente e servizi Spa spieghi perché il 50% dei lavoratori è somministrato a tempo determinato”

0
982
spinelli
Carlo Spinelli

“E’ di pochi giorni fa la notizia che il tribunale amministrativo del Lazio ha annullato l’appalto assegnato alla Synergie Italia agenzia Spa per la somministrazione del personale alla Volsca ambiente e servizi Spa in seguito al ricorso presentato dalla Tempor Spa. E il secondo annullamento da parte del tribunale amministrativo che riguarda il maxi appalto del valore di 3.500.000  euro. Prendendo spunto da questo, il coordinatore provinciale romano del movimento politico Italia dei Diritti Carlo Spinelli candidato presidente alla regione Lazio per il movimento stesso prende la parola “ Secondo la sentenza dei giudici pare che  nell’offerta formulata dall’ azienda aggiudicataria dell’appalto,  la stessa in poche parole avrebbe omesso dei costi di gestione per tenere l’offerta economica più bassa. Partendo appunto da questa notizia – continua Spinelli – ho scoperto che la Volsca sta lavorando con circa il 50% dei somministrati a tempo determinato e questo non è consentito per legge ne previsto dal CCNL di categoria Federambiente che prevede un massimo del 12% di lavoratori a tempo determinato sul totale della forza lavoro inquadrata tra il I° ed il V° livello ( art.11 comma 4 lettera a ) a meno che non  ci siano condizioni particolari concordate o con i sindacati tramite accordi territoriali o con una deroga chiesta all’ufficio provinciale del lavoro laddove sussistano delle esigenze specifiche da parte dell’azienda. Quello che chiedo alla Volsca ambiente e servizi spa – prosegue il candidato presidente alla regione Lazio dell’IDD –  che ricordo è una società pubblica controllata dai comuni di Albano Laziale, Velletri, Lariano e Anzio, è se sono autorizzati, in base a quanto elencato sopra, ad assumere così tanti operatori tramite somministrazione a tempo determinato  , oppure stanno violando le normative che regolamentano il lavoro. Sarebbe già un fatto grave in un’azienda privata, ma ancor più grave è quando ad infrangere le regole e a venir meno ai diritti dei lavoratori lo è una pubblica e per questo che chiedo  alla Volsca – conclude Spinelli – e di farlo pubblicamente di dimostrare di avere le carte in regola e quindi giustificare le tante assunzioni che opera a tempo determinato”. Così il candidato presidente alla Regione Lazio per l’Italia dei Diritti Carlo Spinelli.

VOLSCA: SPINELLI ASPETTA ANCORA RISPOSTE

Senza seguito il comunicato del candidato alla presidenza della regione Lazio per il movimento Italia dei Diritti “ Sono ancora in attesa di riscontri da parte dell’azienda a partecipazione pubblica operante ad Albano Laziale, Lariano e Velletri”.

22 dicembre h.12:45 – La scorsa settimana il coordinatore provinciale romano del movimento Italia dei Diritti e candidato alla presidenza della regione Lazio per il movimento stesso Carlo Spinelli ha denunciato attraverso un comunicato stampa l’esubero degli operatori della Volsca ambiente e servizi inquadrati con contratti a somministrazione a tempo determinato che superano di gran lunga la percentuale indicata sul CCNL federambiente ( contratto nazionale di categoria ) sulla base del totale dei lavoratori in forza all’azienda stessa: “ Ho chiesto pubblicamente attraverso le righe del mio comunicato che la Volsca spiegasse perché impiega un numero oltre il consentito di lavoratori a tempo determinato, ma dagli uffici dell’azienda a partecipazione pubblica non sono ancora arrivate risposte – è quanto afferma il candidato presidente alla regione Lazio per l’Italia dei Diritti Carlo Spinelli – e sono di nuovo a chiedere che ci facessero sapere se sono autorizzati ad avere cosi tanti operatori a termine oppure se stanno ledendo un diritto sacrosanto che è quello di avere un lavoro stabile. Da informazioni raccolte non sembra che siano stati siglati accordi territoriali con organizzazioni sindacali, una delle circostanze nelle quali è permesso superare la barriera del 12%  di operai a tempo determinato sul totale dei lavoratori, quindi l’unica possibilità è  una deroga da parte dell’ufficio provinciale del lavoro per condizioni particolari dell’azienda come ad esempio può esserlo una crisi finanziaria. A sentire il sindaco di Albano Laziale Nicola Marini però la Volsca gode di ottima salute – continua Spinelli – quindi? A questo punto chiedo nuovamente all’azienda di dimostrare quanto prima di non infrangere nessuna normativa che regola il lavoro e di avere le carte in regola per un così importante esubero di lavoratori a termine. Restiamo in attesa di comunicazioni da parte della società Volsca –  continua Carlo Spinelli – noi siamo intenzionati ad andare fino in fondo a questa vicenda.