Zingaretti “Test sierologici, eseguito già su 2mila operatori farmacie”

Test Sierologici su operatori farmacie. L'assessore Alessio D'Amato dichiara "Test e tamponi sono il modello Lazio"

0
324
operatori_sanitari_coronavirus
Operatori sanitari Coronavirus

“CORONAVIRUS; ZINGARETTI: “TEST SIEROLOGICI, ESEGUITI GIÀ SU CIRCA 2MILA OPERATORI DELLE FARMACIE”

D’AMATO, “TEST E TAMPONI SONO IL MODELLO LAZIO”

Abbiamo effettuato già circa 2 mila test sierologici su farmacisti e operatori delle farmacie. Decidere di coinvolgere i farmacisti nella più grande indagine di sieroprevalenza che prevede la somministrazione di 300mila test in tutto il Lazio agli operatori sanitari e Forze dell’ordine è stata una scelta strategica, poiché riconosce il ruolo dei farmacisti nella rete dell’assistenza durante l’emergenza e permette ai farmacisti di lavorare con maggiore sicurezza. Ora si è aperta una nuova fase in cui non bisogna assolutamente abbassare la guardia soprattutto sul territorio”. Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che venerdì 5 giugno ha visitato una farmacia in via di Torrevecchia dove erano in corso le operazioni a bordo di un camper (fornito da Confcooperative) per svolgere i test sierologici agli operatori e farmacisti. Presenti l’Assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, il presidente di Federfarma Lazio, Vittorio Contarina e del Vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma (OMCEO), Pier Luigi Bartoletti. “Ad oggi abbiamo eseguito oltre 80mila test sierologici in prevalenza a operatori sanitari e forze dell’ordine e grazie a questo sistema integrato di test e tamponi che rappresenta il ‘Modello Lazio’ siamo riusciti ad individuare dall’inizio 154 asintomatici e di questi due sono proprio operatori di due diverse farmacie di Roma. Voglio ringraziare i farmacisti per il grande sforzo che stanno facendo – commenta l’Assessore D’Amato – perché nel momento del bisogno le farmacie sono state un punto di riferimento per i cittadini. Abbiamo inserito i farmacisti nello screening sierologico e i primi dati ci confermano che è stata una scelta giusta poiché sono una categoria in prima linea”. “Voglio rivolgere un ringraziamento al Presidente Zingaretti e all’Assessore D’Amato per l’ennesima dimostrazione di collaborazione e vicinanza tra la Regione e le farmacie territoriali che sono state riconosciute ancora una volta come un presidio fondamentale sul territorio. Nel momento peggiore della pandemia – conclude Vittorio Contarina – le farmacie territoriali hanno saputo offrire il loro contributo, insieme ovviamente agli ospedali, al sistema sanitario nazionale e credo che sia riconosciuto che è stato fatto un ottimo lavoro soprattutto nella Regione Lazio. Includere i farmacisti nello screening sierologico ci spinge come categoria a continuare a dare il nostro meglio in un momento così difficile in cui i farmacisti sono in prima linea e non faranno mancare tutto il loro impegno”. “È una tappa importante per contrastare la diffusione del virus sul territorio testando, tracciando e trattando” ha concluso il Vicepresidente dell’ OMCEO, Bartoletti.

Print Friendly, PDF & Email