Bollette e caro energia, l’opposizione di Grottaferrata lancia le sue proposte

Nota stampa dei Consiglieri Comunali di opposizione a Grottaferrata

0
321
comunegrottferrat

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa firmata dai Consiglieri Comunali di opposizione di Grottaferrata.

“I consiglieri comunali di opposizione di Grottaferrata, stante l’attuale emergenza energetica, hanno convocato in data 4 Novembre 2022 il Consiglio Comunale presentando e proponendo ai cittadini e all’attuale maggioranza una proposta per risparmiar e energia e avere bollette meno care. Un fattivo contributo sulle azioni da avviare con urgenza, a costo zero, per contrastare nel breve e medio periodo la crisi energetica ed il Caro Bollette che si è venuto a determinare da inizio anno per la carenza di forniture di energia,  per la guerra in Ucraina e per una inflazione galoppante. Il caro energia tocca infatti anche le amministrazioni pubbliche, che si ritrovano ad avere a che fare con bollette molto più alte del previsto e che incideranno sul bilancio comunale in modo sostanzioso. In aggiunta alle misure decise dal Governo, stante l’urgenza, i consiglieri di minoranza intendono deliberare in Consiglio Comunale provvedimenti tesi al risparmio energetico da attuare da fine Novembre 2022 fino ad Aprile 2023 con   soluzioni immediate e a costo zero per l’Amministrazione. Nel contempo indicano le linee guida per l’efficientamento ed il risparmio energetico del medio periodo da approntare per le infrastrutture ed edifici pubblici. Propongono altresi una cabina di regia con tutte le forze politiche per approfondire tutti i provvedimenti da adottare nel medio periodo/lungo  per rendere la nostra Città più efficiente e più sostenibile.

Le azioni proposte sono :

-nel breve periodo proponiamo di adottare le seguenti azioni e buone pratiche per le infrastrutture e gli immobili comunali :

  • Uffici Pubblici in smart working tutti i venerdi esclusi gli uffici front-office.
  • Una  ora in meno di pubblica  illuminazione  (ultima ora di esercizio).
  • Spegnimento monumenti negli orari notturni con esclusione dei giorni festivi;
  • Riduzione a 18° del riscaldamento degli Uffici Pubblici Rimodulazione orario accensione/spegnimento impianti.

degli immobili richiamati all’art. 7 comma 10 della DGR 3502/2020.

  • Campagna di sensibilizzazione dei cittadini per attivare buone pratiche di risparmio energetico.
  • Iniziative a forte risparmio energetico e Green per le festività natalizie.
  • Anticipo chiusura degli impianti di riscaldamento, rispetto alla data prevista de 7 aprile p.v. ad esclusione di quelli richiamati all’art. 7 comma 10 della DGR 3502/2020;
  • Adozione di buone pratiche di risparmio energetico negli edifici pubblici da parte dei dipendenti pubblici;
  • Aprire un dialogo con l’Associazione Commercianti e Comune per arrivare allo spegnimento delle insegne, delle vetrine dei negozi ed uffici negli orari notturni;
  • Assecondare,favorire e promuovere la nascita di Comunità energetiche (sia private che pubbliche) per la produzione ed autoconsumo di energia da fonti rinnovabili.

Nel medio periodo occorre procedere,ulteriormente, con efficientamento e risparmio energetico soft , stanziando immediatamente le opportune risorse in Bilancio (anche pluriennale) di seguito riportati :

  • Avvio di programmi attuativi per l’ efficientamento e risparmio energetico degli edifici pubblici a partire dalle scuole pubbliche,biblioteche,impianti sportivi,centro anziani uffici pubblici con impianti a Popa  di Calore e fotovoltaico;
  • Installare in tutti gli edifici pubblici lampade a led.
  • Partecipazione alla riapertura dei termini del “Fondo Kioto” di finanziamento per efficentamento energetico e risparmio idrico degli edifici scolastici di almeno due classi energetiche, come stabilito dal Decreto direttoriale n. 200 del 15.09.2022, con termine ultimo di presentazione al 31.12.2022;
  • Definire urgentemente le scelte di risparmio energetico  da assumere sugli impianti della pubblica illuminazione a fronte della delibera di G.M. n.85 del 14.10.2022 e  del gap tecnico-economico e temporale  che si è venuto a creare con la mancata definizione del project;

Tutte le azioni proposte al Consiglio Comunale,a costo zero, sottendono il raggiungimento di un risparmio energetico sui costi delle bollette pubbliche stimabile intorno  al 12 /18%. Il risparmio economico prodotto dalle azioni attuate sugli impianti ed edifici pubblici dovrà essere  destinato a sostenere le famiglie e le piccole imprese in difficoltà per il “caro bollette”, secondo criteri da stabilirsi successivamente da parte degli Uffici.

Queste le azioni da mettere immediatamente in atto,sinteticamente riportate nella proposta di delibera. Al di là della quantificazione effettiva delle cifre risparmiate, crediamo sia giusto che la Pubblica Amministrazione dia il  giusto esempio a fronte dei sacrifici che dovranno sostenere i nostri cittadini e le nostre imprese. Questa la risposta che ci si aspetta da una politica e da una Amministrazione seria che mette al centro l’interesse di tutti e non le decisioni di parte e l’evasività delle proposte amministrative che oggi vengono portate avanti da questa maggioranza”. Così in una nota i Consiglieri Comunali di opposizione a Grottaferrata: Luciano Andreotti, Francesca Antonelli, Paolo Bellucci, Alessandro Cocco, Lorenzo Letta, Luigi Spalletta.