Dessi, “Soddisfatto per adesione a Fondazione insieme a Tor Vergata ed altre istituzioni”

Frascati - Il senatore Dessì: "Soddisfatto per adesione a fondazione insieme a Tor Vergata e ad altre istituzioni. Progetto importante per il territorio"

0
399
emanuele_dessi
Emanuele Dessì

Nel corso della seduta di questa mattina il Consiglio comunale ha approvato la delibera di adesione del Comune di Frascati alla proposta di costituzione di una nuova fondazione di partecipazione promossa congiuntamente dalla Fondazione INUIT dell’Università di Tor Vergata e dall’Associazione di Teoria Politica Lorella Cedroni.

“Sono molto soddisfatto – commenta il senatore 5 stelle Emanuele Dessì, già consigliere comunale di Frascati – dell’approvazione, a larga maggioranza, della delibera. Si tratta di un progetto molto importante che abbraccia un’area vasta, a livello territoriale ma anche istituzionale dal momento che vedrà coinvolti, insieme all’Ateneo romano, anche i centri di ricerca dell’Enea, dell’Infn, dell’Esa-Erin interessando chiaramente la città di Frascati e dando alla città un respiro di alto livello. La fondazione di occuperà di cultura, ma anche di scienza e di programmazione territoriale dando la possibilità di mettere in mostra le migliori risorse di un territorio come il nostro che fa della stretta vicinanza con Roma Capitale una ricchezza. Avere per Frascati istituzioni così importanti in “casa propria” è un enorme valore aggiunto che con la fondazione in costituzione potrà mettersi meglio a frutto”.

“Sono molto soddisfatto – dice il senatore pentastellato – e mi auguro che il lavoro su questa Fondazione adesso prosegua e che possa portare frutti per la città di Frascati”. “Allo stesso modo – conclude Dessì – resto basito dell’assenza dall’Aula del Partito Democratico sia in occasione della discussione che della votazione della delibera in questione. Il Movimento 5 stelle, nella persona della consigliera Lucia Santoro, ha votato con grande convinzione insieme alla maggioranza ed ai colleghi di opposizione Mirko Fiasco, Giuseppe Privitera e Raffaele Pagnozzi”.

Print Friendly, PDF & Email