Fontana ‘Grottaferrata, questione intervento edilizio in Via delle Vascarelle. Il Sindaco dica le cose per come stanno. Realmente”

Grottaferrata, Vascarelle. Forte presa di posizione di Giampiero Fontana della Lega, ex sindaco della città

0
138
fontana
fontana

“Grottaferrata, questione intervento edilizio in Via delle Vascarelle. Il Sindaco dica le cose per come stanno. Realmente

Lo scorso 24 giugno, su un sito web che evoca suggestive riscosse e dichiara di informare i Cittadini di Grottaferrata, è stata pubblicata un’intervista al Sindaco di Grottaferrata, il cui scopo era l’approfondimento dell’intervento edilizio previsto in Via delle Vascarelle (realizzazione di un “centro sportivo polivalente con annesse attività”).

L’argomento è oggetto di particolare attenzione mediatica, da alcune settimane, e molte sono state le dichiarazioni sulla stampa locale, provenienti da più parti, quasi tutte contrarie all’intervento. Da ultimo, è stato anche affisso un manifesto a firma del PD e di alcune sigle della sinistra grottaferratese, con l’aggiunta del locale Coordinamento di Italia Viva, in cui si definisce spregiudicato ed ingiustificabile l’intervento invocandone lo stop.

Nell’intervista, si colloca temporalmente l’inizio dell’iter burocratico-amministrativo all’epoca della Giunta Mori di centrosinistra, ricordando che Andreotti ne faceva parte quale Assessore ad edilizia privata, trasporti e viabilità. In effetti, l’attuale Sindaco fu nominato Assessore ad inizio giugno 2012 e ricoprì tale carica per circa 11 mesi, sino al 30/4/2013, giorno in cui decadde Mori a seguito di irrevocabili dimissioni.

Ciò detto, veniamo ai fatti reali che, come di tutta evidenza, sono decisamente diversi dalle “narrazioniche Andreotti avrebbe disvelato nella “cordiale intervista” rilasciata al revanscista sito di informazione dietro il quale, per quanto è dato sapere, sembrerebbero celarsi “personaggi” noti già visti tra(in)consapevoli consumatori, ruggenti leporidi, (pseudo)sistemi criptensi e quant’altro, i quali abitano altrove e “vivono Grottaferrata” di tanto in tanto allorquando, improvvisamente, si destano da lunghi letarghi e si ricordano dei gravi problemi che la attanagliano (senza tuttavia incidere minimamente per risolverli).

Il 23/3/2012 veniva protocollata la richiesta di autorizzazione per realizzare due distinte aree carburanti ed un impianto polifunzionale sportivo, sulla variante per Via di Vascarelle del (all’epoca) realizzando Progetto viario “Snodo di Squarciarelli”. Il Dirigente del I Settore Tecnico, Ing. F.V., emetteva 3 pareri di non conformità dell’intervento rispetto al PRG comunale ed al PTPG provinciale, poiché l’area individuata ricadeva in Territorio Agricolo Vincolato e, pertanto, l’eventuale realizzazione era subordinata all’approvazione di una variante urbanistica. Contestualmente, lo stesso Ing. F.V. indicava la possibilità di ricorrere alle procedure previste dall’art. 8 del DPR n. 160/2010 (che prevede la facoltá dell privato, ove il PRG non individui aree destinate all’insediamento di impianti produttivi o non ne individui a sufficienza, di chiedere la convocazione di una Conferenza dei Servizi atta a dirimere la questione).

La Conferenza dei Servizi, convocata per il 26/7/2012, non si svolgeva in quanto i privati ne chiedevano il rinvio in data 23/7/2012. Il 5/2/2013 veniva presentata una nuova richiesta per realizzare un “centro sportivo polivalente con annesse attività”, sempre su Via di Vascarelle, parte sulle vecchie aree e parte su nuove attigue, per un totale di oltre 34.500 metri cubi, di cui circa 15.200 interrati. Al riguardo, il MIBAC – con due distinte note del 19/3/2013 – esprimeva parere negativo per “mancata conformità degli interventi proposti rispetto alla normativa vincolistica di zona”, sollecitando il Comune a chiudere la Conferenza dei Servizi avviata in precedenza (seppur mai svoltasi). Per tali motivi, il 9/5/2013 veniva emesso parere negativo defintivo a firma del Dirigente comunale, rispetto al progetto iniziale dei 2 distributori e dell’impianto sportivo, e chiusa la Conferenza dei Servizi.

Tuttavia, lo stesso Ing. F.V. aveva nel frattempo convocato un’ulteriore Conferenza dei Servizi, rispetto al nuovo Progetto protocollato il 5/2/2903, Conferenza che si svolgeva il 20/3/2013, presso la Regione Lazio, e nel corso della quale il Dirigente comunale dichiarava, tra l’altro, che agli atti non risultava acquisita la documentazione di verifica di carenza delle aree destinate all’insediamento di impianti produttivi (requisito fondamentale per attivare la Conferenza e valutare l’eventuale approvazione dell’intervento in variante al PRG, come disposto dall’art. 8 del DPR n. 160/2010). In quella sede, la Provincia di Roma informava di aver emesso un parere di non compatibilitádell’intervento proposto con le previsioni di PTPG, poiché l’area dell’intervento ricadeva in Territorio Agricolo Vincolato e su tali aree (individuate come componenti della Rete Ecologica Provinciale), secondo le NTA, non potevano essere attivate varianti di PTPG. A chiusura della Conferenza, il Dirigente comunale “prendeva atto del parere di non confomritá della Proincia, che comportava la necessaria revisione del progetto, in relazione alla dotazione degli standard, su cui potrá essere chiamata a pronunciarsi una nuova Conferenza dei Servizi”. Lo stesso “rilevava l’opportunitá che la Regione si esprimesse sulla possibilitá di ammettere o meno l’intervento in variante nell’area proposta, tenuto conto che per la stessa area esisteva un’osservazione accolta circa il declassamento dell’area di tutela”.

Una prima riflessione: il Sindaco Andreotti, quale Assessore in carica con delega all’edilizia privata, dal giugno 2012 al 30/4/2013, dovrebbe aver seguito tutti i passaggi formali suindicati. Per questo, non appare corretta la dichiarazione attribuitagli nell’intervista per cui la prematura conclusione della Giunta Mori avrebbe impedito di portare in Consiglio comunale, per la votazione, l’esito della Conferenza dei Servizi. Ciò, in quanto la Conferenza non era conclusa ma aggiornata ad una successiva riunione. Semmai, Andreotti avrebbe dovuto dire se egli, quale Assessore, all’epoca abbia informato la Commissione Urbanistica rispetto alla richiesta di intervento ed all’esito interlocutorio della Conferenza, magari facendo sapere anche cosa pensassero i Consiglieri comunali in carica di quel Progetto.

Ancor più “bizzarra” appare la successiva dichiarazione attribuita ad Andreotti, allorquando si rammarica per il mancato coinvolgimento del Consiglio comunale (…) e, addirittura, non si spiega come gli Uffici comunali abbiano potuto continuare le procedure connesse alla nuova richiesta di intervento su Via di Vascarelle, sia durante la gestione commissariale (maggio 2013-giugno 2014) che durante l’Amministrazione Fontana (giugno 2014-ottobre 2016).

Paradossale, inoltre, la ricostruzione di Andreotti che avrebbe definito “contorta”, in quegli anni, la storia del Progetto di Via di Vascarelle poiché, a suo dire, si sarebbero svolte addirittura due Conferenze dei Servizi senza interpellare il Consiglio comunale, mentre la Provincia di Roma comunicava parere negativo e, da ultimo, la Regione Lazio “sbloccava” l’iter procedurale in base a non meglio precisate “motivazioni tecnico-amministrative”. Il tutto testimoniato da “mille documenti che ricoprono la scrivania nel suo Ufficio di Sindaco”.

L’anonimo intervistatore, a quel punto, dichiara che “il Sindaco, nel tentativo di chiamare Fontana come corresponsabile, cita due Consiglieri su tutti della maggioranza Fontana (oggi nemmeno presenti in Consiglio comunale) dimenticando, probabilmente, che ben quattro dei Consiglieri che oggi compongono l’attuale maggioranza, ricoprivano importanti ruoli con Fontana Sindaco.

Prescindendo dall’attendibilità di quanto scritto nell’articolo, l’intervistatore “dimentica” (anche lui…) di indicare i nomi dei due Consiglieri “corresponsabili” (non si capisce bene di cosa), e quali “importanti” ruoli rivestissero gli altri quattro che oggi sostengono Andreotti.

Per opportuna e corretta informazione, a dimostrazione delle anomalie (e contraddizioni) che emergono da quanto avrebbe dichiarato Andreotti, è importante ricordare alcune cose. Primo: il Dirigente comunale (Ing. F. V.) che ha seguito le procedure relative al Progetto ed ha convocato (e presieduto) le Conferenze dei Servizi sino all’insediamento della Giunta Fontana, è lo stesso che l’attuale Amministrazione comunale ha designato quale Presidente della Commissione aggiudicatrice del Bando decennale per il Servizio raccolta rifiuti (poi assegnato dal Tar del Lazio). Secondo: l’attuale Dirigente comunale dell’Area Tecnica, Arch. A.Z., sin dal 2012 è presente nelle varie procedure del Progetto di Via di Vascarelle (sino a divenire il RUP nel marzo 2016) ed è stato nominato Dirigente proprio da Andreotti dopo l’elezione a Sindaco. Per cui Andreotti, anziché “cadere dal pero” e non spiegarsi come gli Uffici comunali abbiano potuto continuare le procedure connesse alla nuova richiesta di intervento su Via di Vascarelle, poteva informarsi chiedendo direttamente ai due tecnici, il secondo dei quali attualmente in carica dirigenziale e proprio nel Settore dell’Urbanistica.

Pertanto, la ricostruzione degli eventi propalata dal Sindaco appare scarsamente credibile e semplicistica, oltre che riduttiva. E goffo é il tentativo di scaricare responsabilità che, invece, sembrano appartenergli.

Il picco “creativo” dell’intervista, tuttavia, giunge allorquando si dice che “il Sindaco Luciano Andreotti e tutti i Consiglieri sono contrari a questo scempio urbanisticoma sarebbero “costretti a votare favorevolmente perché esiste il pericolo reale che l’imprenditore denunci non solo il Comune ma anche i singoli Consiglieri comunali che voteranno contro”.

Andreotti dovrebbe innanzitutto circostanziare punto per punto ciò che è accaduto dal marzo 2012 ad oggi, chiarendo chi ha fatto che cosa/quando, in particolare rendendo pubblici i documenti che attestano le richieste di opere infrastrutturali strategiche avanzate dalla Giunta Fontana ai privati, anche al fine di decongestionare il traffico nell’area di Squarciarelli e dintorni (nuove strade, marciapiedi, illuminazione, rete fognaria, ecc.), in applicazione della “famigerata” Delibera di Consiglio n. 41/2015.

E, subito dopo, dovrebbe spiegare ai Cittadini perché il Comune, con nota prot. n. 39358 del 2/11/2017 (quando Andreotti era Sindaco da oltre 5 mesi), scriveva alla Regione Lazio sul Progetto di Via di Vascarelle ritenendo meritevole di considerazione la proposta presentata dagli istanti, in applicazione del punto 2 dell’art. 5 del DM n. 1444/1968, di un incremento degli standard rispetto alla superficie di progetto originariamente prevista, prospettando la monetizzazione degli stessi (quindi “gradendo” di fare cassa attraverso tale Progetto, anziché attualizzare le proposte a suo tempo avanzate dalla Giunta Fontana e sulle quali i privati si erano dichiarati disponibili). Ancora, Andreotti dovrebbe chiarire perché un simile “scempio urbanistico” (come definito nell’intervista), sul quale lui e tutti i Consiglieri sarebbero contrari, sia stato trattato in Commissione Urbanistica una sola volta, il 3/10/2019, fugacemente, senza entrare nel merito, non menzionando la nota del 2/11/2017 per la monetizzazione degli standard proposti in aumento e ben 19 mesi dopo che la Regione Lazio aveva dato il via libera al Progetto (nota acquisita al protocollo comunale il 19/2/2018 col n. 7001).

Da ultimo, il Sindaco ha il dovere di indicare puntualmente alla Città (ed ai Consiglieri comunali), quali sono le norme di legge in forza delle quali il Consiglio comunale sarebbe costretto, suo malgrado, a votare favorevolmente la variante al PRG per la realizzazione dell’intervento in Via di Vascarelle, peraltro senza aver mai discusso il Progetto in Aula. E su quali basi giuridiche sia possibile affermare, come appare dall’intervista del 24 giugno scorso, che esisterebbe il reale pericolo per cui i privati proponenti l’intervento potrebbero denunciare Sindaco e Consiglieri in caso di non approvazione della variante (e del Progetto).

Tralasciando, infine, le conclusioni dell’intervista, ossia la fantomatica “ricerca di una soluzione legale per uscire dall’impasse amministrativo (quale? Andreotti ha detto che o si approva la variante o si rischia la denunzia…), nonché il presunto inoltro ad un legale delle sentenze del Consiglio di Stato presentate da forze politiche ed associazioni contrarie al Progetto, fa “sorridere” (amaramente) apprendere che il Comune avrebbe chiesto alla Città Metropolitana di Roma di sollecitare il TAR nel fissare l’udienza al ricorso presentato dall’Ente, teso a stabilire le competenze di merito tra Regione e Provincia. Ma la vera “comica finale” è che tutto questo servirebbe a rinviare la votazione in Consiglio comunale dove, forse per la prima volta da quando “aleggiano” i finto-civici, la tenuta della maggioranza (secondo accreditati rumors) potrebbe essere a rischio.”. Lo dichiara l’esponente della Lega Giampiero Fontana.

Print Friendly, PDF & Email