Frascati, Alessandro D’Orazio si schiera a sostegno di Fabio Polli

0
2204
alessandro_dorazio
Il consigliere comunale di Frascati Alessandro D'Orazio
alessandro_dorazio
Il consigliere comunale di Frascati Alessandro D’Orazio

La candidatura a sindaco di Frascati di Fabio Polli, giornalista molto conosciuto per il suo ventennale impegno per il territorio castellano, allarga i suoi orizzonti. In questi giorni, infatti, sono in corso colloqui del Movimento Popolare Tuscolano con importanti esponenti della società civile, del mondo cattolico e associazionistico per rafforzare la grande aggregazione civica di area moderata e cattolica sempre più vicina all’obiettivo di essere la vera proposta alternativa all’attuale amministrazione di centrosinistra, al governo della Città dal 1999.

L’MPT, infatti, grazie alla recente intesa con il raggruppamento civico di «Frascati Nostra», in cui spiccano i consiglieri comunali uscenti Sandro D’Orazio e Giuseppe Privitera, ha rafforzato il suo ruolo di forte attrattiva per quei cittadini disorientati dalle divisioni correntizie e personali che interessano le coalizioni di partiti oggi in campo su scala nazionale e locale.

E’ proprio D’Orazio a spiegare i motivi dell’intesa e della prospettiva politica «che vuole portare a Frascati un cambiamento definitivo contro le logiche politiche e partitiche che sino ad ora hanno governato la cittadina».

«Fabio Polli – dice D’Orazio, che fu candidato sindaco nel 2009 con una lista civica – ha deciso finalmente di mettersi in gioco per il bene della città, con uno spirito ed un entusiasmo che ci hanno coinvolto favorevolmente. Da tempo auspicavo la sua discesa in campo e lo consigliavo in tal senso a farlo. Lo sosteniamo con convinzione perché è una ottima persona, un bravo professionista e padre di famiglia, un uomo che ha saputo accettare e vincere sfide importanti nella sua sfera d’azione. Con i suoi articoli e le inchieste del suo giornale, con le tante attività portate avanti dal punto di vista sociale e storico attraverso le sue associazioni, si è fatto apprezzare a Frascati e nei comuni limitrofi dove unanimemente viene indicato tra le persone più preparate e autorevoli. Ha diretto un quotidiano locale, un importante periodico informativo, ha una formazione vastissima in tutti i settori e soprattutto conosce benissimo i problemi di Frascati e dei Castelli Romani perché li ha seguiti in questi anni, confrontandosi con tutti noi amministratori pubblici, continuamente, e per questo sarà sicuramente un ottimo sindaco. C’è bisogno di gente nuova, di nuovo entusiasmo e Polli è sicuramente la persona adatta a svolgere questo ruolo.

Il Centrosinistra – continua il consigliere d’opposizione – che governa questo territorio da decenni, sta andando alle Primarie con quattro candidati diversi, che si stanno beccando tra di loro e con idee e programmi diversi. Ciò fa ovviamente dedurre che in realtà la piattaforma programmatica sottoscritta al momento della partecipazione alle Primarie sia in realtà una scatola vuota, un insieme di proposte che hanno avuto 15 anni di tempo per  realizzare e non hanno mai realizzato. Oggi le ripropongono nuovamente come se niente fosse, dimenticando di dire come intendono difendere gli interessi dei cittadini di Frascati nei processi in corso sulle vicende del Patrimonio comunale sotto sequestro dopo le nostre denunce. Ci dovrebbero spiegare, Di Tommaso e tutti gli altri, per quale motivo non si sono costituiti Parte Civile a difesa dei superiori interessi della Città e per quale motivo nelle udienze che si sono fino ad oggi tenute in tribunale a Velletri non si sia presentato nessuno in rappresentanza del Comune di Frascati e non sono state messe in atto le azioni concrete per tutelare i cittadini di Frascati. Ad esempio, solo noi consiglieri che abbiamo denunciato la vicenda, abbiamo prodotto una perizia di parte per contrastare quella presentata dal perito del Tribunale sulla valutazione dei terreni e sulle procedure seguite nell’ambito processuale. Questi sono fatti gravi per la città…».

«La nostra proposta civica rappresenta il rafforzamento di una battaglia – continua D’Orazio – che assieme al consigliere Privitera stiamo portando avanti da tempo per la riappropriazione legale del patrimonio di Frascati, il cui valore è attestabile in centinaia di milioni di euro, assolutamente bistrattato dall’amministrazione comunale uscente. Proprio partendo da questo genere di tematiche facciamo appello a tutto il fronte moderato, alle forze civiche e politiche veramente alternative a chi ha mal governato Frascati negli ultimi anni, affinché ci siano i presupposti per unire le forze e condividere un’unità di intenti a favore del vero rinnovamento e dell’alternativa di governo della nostra amata comunità».

Print Friendly, PDF & Email