Marino, giovedì 4 la proiezione di Beata Ignoranza

A Marino Laziale, presso la Sala Lepanto, giovedì 4 ottobre 2018 ore 18.30 si terrà la proiezione del film “Beata Ignoranza”

0
387
beata_ignoranza
Beata Ignoranza

Prosegue la programmazione della Sala Lepanto (Piazza Lepanto, 1), a cura di Senza Frontiere Onlus e MarkFilm by Senza Frontiere Onlus. Giovedì 4 ottobre, alle ore 18.30, sarà proiettato “Beata ignoranza” un film di Massimiliano Bruno con Marco Giallini e Alessandro Gassman. L’ingresso in sala è previsto dalle ore 18. Di seguito la trama del film.

Ernesto e Filippo sono due professori di liceo con due personalità agli antipodi. Filippo insegna matematica, è allegro, di mentalità aperta, perennemente online. Bello e spensierato, è un vero e proprio seduttore seriale, e il suo terreno di caccia preferito sono i social network. È seduttivo anche con i suoi studenti: ha creato un’app in grado di fornire immediatamente la soluzione a ogni tipo di calcolo. Ernesto insegna italiano, è severo e all’antica: il computer, per lui, è solo un aggeggio infernale. Queste sue caratteristiche si riflettono anche nel rapporto con gli studenti, animato da uno spirito di austerità d’altri tempi. Si è orgogliosamente tagliato fuori dalla rete e da tutto ciò che è innovativo e moderno: basti pensare che il suo telefono cellulare è un Nokia del 1995. Da ragazzi erano legati da un’amicizia fraterna, poi bruscamente interrotta a causa di uno scontro profondo e mai risolto, che li ha tenuti lontani per anni. Un giorno, per caso, si ritrovano a insegnare nella stessa scuola, nella stessa classe: inevitabilmente, a causa di vecchi rancori mai sopiti e di approcci al mondo e alla vita completamente opposti, la loro rivalità si riaccende in un attimo. Il passato ripresenterà loro il conto nelle sembianze di Nina, che li costringerà a sottoporsi a un semplice esperimento sociale, che si rivelerà per entrambi un’enorme sfida: Ernesto dovrà provare a mettersi nei panni di Filippo, e viceversa. Ciascuno dovrà rinunciare alle proprie certezze: Filippo sarà fuori dalla rete, Ernesto invece proverà a entrarci. Quest’esperienza sarà rivelatrice per entrambi. I due si troveranno ad affrontare situazioni completamente nuove e saranno costretti a mettere in discussione ogni più profondo aspetto di sé: ciascuno dovrà mettersi in gioco, a caccia di quell’equilibrio, sempre più precario ai giorni nostri, tra la cieca fiducia di chi si affida alla rete e la totale diffidenza di chi si ostina a stare fuori dall’universo digitale.

Print Friendly, PDF & Email